FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Vaccini AstraZeneca: tra psicosi e denunce dei familiari, le morti che hanno portato al blocco cautelativo

I casi sospetti dopo l'iniezione: dal dentista romano al professore-musicista di Biella

Ipotizza l'omicidio colposo, al momento contro ignoti, l'indagine della procura di Biella sulla morte di Sandro Tognatti, avvenuta a diciassette ore di distanza dalla somministrazione del vaccino AstraZeneca. Quello del professore-musicista morto nel fine settimana è solo uno dei casi sospetti che, in attesa di stabilire l'eventuale nesso tra il vaccino e i decessi, ha portato al blocco cautelativo delle dosi di AstraZeneca in Italia e in mezza Europa.

Vaccino AstraZeneca, i casi sospetti in Italia

L'autopsia sul corpo di Tognatti, 57 anni, non avrebbe evidenziato però nessun segno che permetta di collegare la morte alla vaccinazione. La causa del decesso, secondo gli esami, sarebbe un problema cardiaco improvviso.

 

L'ultima denuncia, in ordine di tempo, è quella dei parenti della 54enne Sonia Battaglia. La donna lotta tra la vita e la morte all'ospedale del Mare di Napoli, ricoverata in terapia intensiva dopo una dose del lotto ABV5811, lo stesso del docente biellese. Come il musicista, non aveva patologie pregresse: "E' sempre stata sana come un pesce - raccontano i famigliari - e anche dopo il vaccino sembrava stesse bene. Due giorni dopo ha avuto la febbre, dormiva in continuazione, non riusciva a parlare" fino a diventare "totalmente immobile".

 

Anche Stefania Maccioni, docente di lettere alla scuola media di Cerveteri, aveva ricevuto un vaccino del lotto ABV5811. L'iniezione il 25 febbraio a Santa Marinella, poi sono iniziati i problemi. "Ha iniziato a sentirsi male e ad avere forti emicranie, fino a essere ricoverata in coma il 7 marzo al Gemelli dove è morta il 9 marzo", ha spiegato il fratello Luca al Messaggero. Domenica la famiglia ha sporto denuncia

 

Il lotto ABV5811 è stato il secondo a finire sotto sequestro dopo l'ABV2856, bloccato nei giorni scorsi in seguito alla morte del sottufficiale della Marina militare Stefano Paternò in Sicilia. Sulla vicenda indaga la procura di Siracusa. Aperta un'inchiesta anche sui decessi di Davide Villa, il poliziotto dell'Anticrimine di Catania morto il 7 marzo, 12 giorni dopo la somministrazione del vaccino AstraZeneca, e del maresciallo Giuseppe Maniscalco, 54 anni, morto per infarto a Trapani oltre 48 ore dopo la somministrazione del vaccino. L'autopsia avrebbe escluso qualsiasi nesso tra il decesso e il vaccino, ma il procuratore Maurizio Agnello ha comunque disposto ulteriori accertamenti istologici.

 

 

L'11 marzo a Rocca di Papa, sui Castelli Romani, muore un odontoiatra romano 46enne. Per i medici si tratta di morte naturale causata da un infarto, ma la famiglia ipotizza un legame con il vaccino fatto quasi un mese prima, il 19 febbraio, e denuncia. Era giovane e in buona salute, non aveva patologie pregresse, ripetono i parenti increduli. Esclude legami con la vaccinazione anti-Covid, invece, la Procura di Agrigento in merito al decesso di un operatore sanitario di Licata in servizio in una casa di riposo di Palma di Montechiaro. All'uomo, per altro, era stata inoculata una dose Pzifer.

 

Intanto i legali dei famigliari di Anna Maria Mantile, la professoressa deceduta a Napoli a distanza di alcuni giorni dalla somministrazione di una dose del vaccino anglo-svedese, hanno chiesto alla Procura di Napoli l'acquisizione della documentazione sui dati inerenti le  controindicazioni emerse nel corso della fase sperimentale.

 

Aperto a Milano il primo drive through per i vaccini: a pieno regime raggiungerà le 2mila somministrazioni al giorno

Un sistema di somministrazioni che ogni giorno, in nove ore, può eseguire duemila vaccinazioni. E' la 'catena di montaggio' della Difesa messa a punto nel drive through di Milano, al parco di Trenno, dove da oggi due linee lavorano alle inoculazioni mentre altre sei continuano a eseguire tamponi. Le somministrazioni ai cittadini sono aperte dalle 8.30 alle 17.30 e a cominciare saranno i docenti, con il vaccino AstraZeneca. Dall'accettazione alla somministrazione, i tempi calcolati sono di 5 minuti senza scendere dall'auto, a cui se ne aggiungono altri 15 per l'attesa all'interno del parcheggio nel caso di eventuali reazioni avverse.

Leggi Tutto Leggi Meno

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali