FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Trieste, investita mentre era distratta al telefono | Il tribunale: "La colpa è la sua per lʼ80%"

La sentenza ha definito lʼatteggiamento della donna "colposo" e "sprezzante delle regole sulla circolazione stradale e di normale prudenza”

Stava per salire su un autobus quando all'improvviso un'auto l'ha investita. Questa volta, però, il responsabile dell'incidente sarebbe il pedone. Secondo il Tribunale di Trieste la donna investita è colpevole all'80% perché ha attraversato la strada mentre parlava al telefono senza guardare se arrivassero veicoli. "Risulta incontrovertibile la connotazione colposa della condotta della pedone”, si legge nella sentenza, "che avrebbe agito in disprezzo delle regole sulla circolazione stradale e di normale prudenza”. Il restante 20% della colpa ricade sul conducente.

La responsabilità dell'incidente può essere condivisa tra conducente e pedone a patto che il guidatore riesca a dimostrare che era impossibile evitare l'impatto. Come già stabilito dalla Cassazione nel 2017, infatti, “in caso di investimento di pedone, la responsabilità del conducente è esclusa se non c’è alcuna possibilità di prevenire l’evento“. Proprio per questo, il comportamento della donna è stato ritenuto dal tribunale di Trieste "fattore causale esclusivo dell'evento dannoso". I fatti risalgono a febbraio 2010.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali