FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Torino, 90mila euro per l'albero di Natale "Zerbino": il caso finisce in Consiglio comunale

Oltre al prezzo, contestato dalle opposizioni, da "Broccolo" a "Cono gelato" fioccano i nomignoli e i commenti

natale, lockdown, roma, torino
Ansa

Scoppia la polemica a Torino su "Zerbino", l'albero di Natale fatto di pannelli di "prato artificiale" ignifugo che verrà acceso per l'Immacolata, costato ai contribuenti torinesi 75mila euro più Iva, il che significa 91.500 euro. Il conto è stato presentato assieme alle spese previste per Capodanno, 150mila euro: Torino quest'anno rinuncerà alla festa in piazza, conferma il sindaco Stefano Lo Russo.

Su "Zerbino", l'albero di Natale eredità della giunta Appendino e collocato in piazza Vittorio,  non solo la politica, con tanto di interrogazione al sindaco dal leghista Ricca, ma anche il web si è già scatenato. Da "Broccolo" a "Cono gelato" fioccano i nomignoli e i commenti.

 

Da quelli decisamente politici, come "grazie ai 5Stelle per l'ultimo regalo alla città", i più sono dettati dalla fantasia scatenatasi sull'onda del celeberrimo Spelacchio di Roma. Ecco allora, riporta Repubblica, "supposta", "cono gelato", "zerbino", "spennacchio", sacco di patate, per arrivare ai più articolati "marziano travestito da albero di Natale finto" fino a chi, forse memore delle Atp Finals, parla di "campo da tennis sintetico in verticale".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali