FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Il caso di Stefano Perale raccontato in un minuto

"Quarto Grado Files" ripercorre la vicenda del professore di Mestre che nel giugno 2017 ha ucciso Anastasia Shakurova e il suo fidanzato Biagio Buonomo

Un amore idealizzato e mai reale. Questa la causa dietro le azioni di Stefano Perale, cinquantunenne professore di inglese residente a Mestre che nella notte tra il 17 e 18 giugno 2017 ha ucciso Anastasia Shakurova (31 anni) e il suo fidanzato Biagio Buonomo. Secondo le ricostruzioni, Stefano e Anastasia si sono conosciuti nel 2014 a un corso d'inglese: lui si innamora ma la donna non ricambia. Nonostante questo i due si sentono spesso fino al 2016, quando Anastasia si fidanza con Biagio, 32 anni, ingegnere aerospaziale. La loro relazione raffredda i rapporti fra lei e Stefano, che cerca comunque di riallacciare un legame.

Il 17 giugno invita Anastasia e Biagio a cena, li narcotizza sbriciolando nell'aperitivo quindici compresse di un potente sonnifero e mette in atto il suo folle piano: colpisce Biagio cinque volte con un tubo metallico, per poi soffocarlo con una pezza imbevuta di anestetico. Anastasia viene portata in camera da letto e stuprata, soffocata a sua volta da uno straccio imbevuto di cloroformio e violentata nuovamente anche da morta: Perale riprende la scena con una telecamera. Emergerà poi dall'autopsia che Anastasia era incinta. Dopo aver tentato inutilmente di nascondere i corpi, l'uomo chiama la polizia per costituirsi. Nell’udienza preliminare gli viene concesso il rito abbreviato, ma la difesa chiede un’integrazione della perizia psichiatrica, fatta in precedenza. Perale è giudicato capace di intendere e volere. I parenti della coppia chiedono 4 milioni di risarcimento.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali