FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Il caso della coppia dellʼacido raccontato in un minuto

"Quarto Grado Files" ripercorre la vicenda di Martina Levato e Alexander Boettcher, che a Milano hanno cercato di sfigurare tre persone

In questa puntata, "Quarto Grado Files" - la video rubrica legata al programma televisivo condotto da Gianluigi Nuzzi e Alessandra Viero che ripercorre i più importanti fatti di cronaca - si concentra su Alexander Boettcher e Martina Levato, ribattezzati "la coppia dell’acido".

Tutto inizia il 3 novembre 2014, quando, poco dopo le 5,30 del mattino, uno studente 24enne, Stefano Savi, viene aggredito con l’acido. Dodici giorni dopo, a subire un assalto simile è il fotografo Giuliano Carparelli. Anche a lui viene gettato addosso dall'acido, ma, fortunatamente, riesce a ripararsi grazie a un ombrello. Il 28 dicembre, è la volta dello studente Pietro Barbini: il ragazzo, accompagnato dal padre, riesce però a bloccare l’aggressore. È Alexander Boettcher, 33 anni, italo-tedesco, che viene subito arrestato. Poco dopo viene arrestata anche Martina Levato, la fidanzata di Boettcher.

È proprio lei la chiave per unire i tre casi: tutte le vittime, infatti, avevano avuto delle relazioni più o meno durature con la ragazza. Le aggressioni sarebbero state un atto di purificazione di Martina, ideate dai due amanti. I giovani avevano un complice, Andrea Magnani, arrestato il 3 febbraio 2015 e condannato a 9 anni e 8 mesi in secondo grado.

La Levato è stata condannata a 20 anni di reclusione. A Boettcher sono stati invece dati 14 anni dalla Cassazione per l’aggressione a Barbini, e 23 in appello per le altre due. In carcere, Martina ha partorito un bambino, figlio di Alexander: la Cassazione ha deciso che il piccolo è adottabile.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali