FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Silvia Romano parla ai pm: "Ho chiesto il Corano e mi sono convertita all'Islam" | "Nessuna forzatura, scelta spontanea"

La cooperante davanti agli investigatori ripercorre i mesi del sequestro: "Sono sempre stata trattata bene. Non cʼè stato alcun matrimonio né relazione, solo rispetto"

Silvia Romano rientra in Italia

Silvia Romano rientra in Italia

"E' successo a metà prigionia, quando ho chiesto di poter leggere il Corano e sono stata accontentata". C'è anche la sua conversione all'Islam nel lungo racconto di Silvia Romano agli inquirenti che indagano sul suo sequestro. Una scelta che ha definito "spontanea e non forzata". "In questi mesi sono stata trasferita frequentemente e sempre in luoghi abitati", ha detto. "Non c'è stato alcun matrimonio né relazione, solo rispetto".

Provata ma "serena", è apparsa agli inquirenti la cooperante tornata libera dopo 18 mesi di prigionia in Somalia, ascoltata per quasi 4 ore nella caserma del Ros in via Salaria, a Roma, alla presenza del pm titolare del fascicolo Sergio Colaiocco. Un atto istruttorio lungo e sul quale chi indaga mantiene il più stretto riserbo. La ragazza ha varcato l'ingresso della caserma intorno alle 15 proveniente dall'aeroporto di Ciampino.

 

"Sono sempre stata trattata bene" "Mi hanno assicurato che non sarei stata uccisa e così è stato, non ho subito violenze", ha spiegato la ragazza che ha poi raccontato di avere cambiato spesso luoghi di prigionia. "Avvenivano spesso i trasferimenti. Sono stata portata sempre in luoghi abitati, non sono mai stata legata, ho cambiato quattro covi. Mi chiudevano in stanze di abitazioni, sono sempre stata da sola, non  ho visto altre donne". Covi che, ha precisato Silvia, "erano raggiunti sempre a piedi caminando per chilometri". Silvia ha spiegato agli investigatori di essere stata sempre con gli stessi carcerieri. "Loro erano armati ed a volto coperto, ma sono sempre stata trattata bene ed ero libera di muovermi all'interno dei covi, che erano comunque sorvegliati", ha precisato.

 

“Ho imparato l’arabo, la conversione è stata lenta” Silvia ha poi affrontato il capitolo relativo alla sua conversione all'Islam. "In questi mesi mi è stato messo a disposizione un Corano e grazie ai miei carcerieri ho imparato anche un po’ di arabo. Loro mi hanno spiegato le loro ragioni e la loro cultura. Il mio processo di riconversione è stato lento in questi mesi”. Una scelta spontanea, ha ribadito, non legata al matrimonio con un carceriere. "Non c'è stato alcun matrimonio né relazione, solo rispetto".

 

Silvia Romano in Italia, nel suo quartiere a Milano applausi e campane a festa

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali