FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Matteo Messina Denaro, l'appello della clinica di Palermo al boss: "Ti resta poco da vivere, parla"

Lungo post social di Alessia Randazzo, responsabile legale della struttura sanitaria dove il boss era in cura per un tumore: "Non c'è schema di terapia che possa condurre a guarigione"

Cattura messina denaro
Da video

A Matteo Messina Denaro è stato lanciato un appello a pentirsi da parte di Alessia Randazzo, responsabile area legale della clinica La Maddalena di Palermo, dove il boss era in cura per un tumore.

Su Facebook, la donna si è rivolta all'ex super latitante chiamandolo con il nome che aveva usato quando frequentava l'ospedale oncologico: "Al signor Andrea Bonafede avrei da dire una sola cose: se facendoti prestare una vita che non meriti, nel cammino della malattia ti fossi specchiato in ognuno dei tuoi errori, adesso parla, fallo ora che sai che non manca molto al momento in cui quel bambino (il piccolo Giuseppe Di Matteo ucciso anche su ordine di Messina Denaro, ndr) e tutti gli altri te li ritroverai davanti".

 

 

"Nessuna terapia può condurre a guarigione"

 L'avvocato ha quindi sottolineato le condizioni di salute dell'ex paziente, "scritte tutte nella cartella clinica della Repubblica Italiana. Per la quale, mi pare evidente, non c'è schema di terapia che possa condurre a guarigione".

 

Primarie per capo Cosa nostra, manifesti satirici a Palermo

Il collettivo offline corporation torna alla carica dopo l'arresto del boss Matteo Messina Denaro, e attacca in diversi luoghi nel centro di Palermo i manifesti satirici che annunciano le "Elezioni primarie di Cosa nostra". "Questa volta il nuovo capo della mafia lo scegli tu - è scritto sui fogli - Dopo le dimissioni del segretario Andrea Bonafede, sono ufficialmente indette le primarie per l'elezione del nuovo capo di Cosa nostra. I gazebo per le votazioni saranno allestiti nelle principali piazze di spaccio della città". Cosa occorre per votare? scrive il collettivo: "Gli affiliati dovranno mostrare la certificazione della "punciuta" con allegato residuo del santino bruciato. Gli incensurati dovranno invece esibire la tessera di iscrizione da almeno 3 anni ad uno dei partiti di riferimento". E conclude: "Democrazia, partecipazione, collusione".

Leggi Tutto Leggi Meno

 

La difesa della clinica

 La responsabile legale ha quindi difeso la struttura sanitaria da "volgarità, insinuazioni e illazioni" circolate dopo l'arresto del boss avvenuto il 16 gennaio proprio nei pressi della clinica: "Ci sono persone che da oltre vent'anni escono di casa ogni mattina per servire e non per apparire e che con il loro lavoro hanno dimostrato concretamente che il miglior medico in Sicilia non è più l'aereo. Non è la prima, né sarà l'ultima che saremo chiamati a pagare un prezzo per i nostri sforzi, per quel peso quotidiano che ci opprime l'anima ma che abbiamo imparato a trasformare in abbraccio. Le spalle oramai si sono fatte larghe".

Trovati in un covo gli storici Ray-Ban di Messina Denaro

Gli storici Ray-Ban da sole a goccia che indossava Matteo Messina Denaro da ragazzo, una bottiglia di champagne e il libro "Facce da mafiosi": sono le ultime scoperte fatte dai carabinieri di Trapani nel corso di una perquisizione nella casa della famiglia del capomafia, in via Alberto Mario a Castelvetrano. Si tratta dell'ultima abitazione del boss prima dell'inizio della latitanza: lì Messina Denaro viveva con la madre. In molte foto da giovane il padrino appare con gli occhiali da sole ritrovati.
 

Leggi Tutto Leggi Meno

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali