FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Libia, nave Ong soccorre 50 migranti e fa rotta verso lʼItalia | Viminale pronto a chiudere le acque territoriali

La Mare Jonio: "Chiederemo allʼItalia un porto sicuro per sbarcare queste persone scappate dai campi di concentramento libici". A bordo del gommone in avaria cʼerano anche 12 minori

Libia, nave Ong soccorre 50 migranti e fa rotta verso l'Italia | Viminale pronto a chiudere le acque territoriali

La nave Mare Jonio di "Mediterranea Saving Human" è intervenuta nelle acque libiche soccorrendo un gommone in avaria e salvando 50 migranti, tra cui 12 minori. "Stiamo facendo rotta verso nord per evitare il maltempo, ci dirigiamo verso l'Italia dove chiederemo il porto sicuro per sbarcare queste persone scappate dai campi di concentramento libici", ha spiegato Luca Casarini della Ong. Salvini: "I porti erano e rimangono chiusi".

Le condizioni dei migranti, ha sottolineato Casarini, sono in linea di massima buone. "La maggior parte di loro sono disidratati e soffrono il mare, ma da un primo esame del medico di bordo sembra che le loro condizioni non destino particolari preoccupazioni".

Quanto alle fasi del salvataggio, da bordo ribadiscono che non c'è stato alcun problema con i libici. "Quando siamo arrivati in zona - ha spiegato Casarini - eravamo soli e abbiamo iniziato a soccorrere le persone, il gommone era in difficoltà e stava imbarcando acqua. La motovedetta libica è arrivata quando le operazioni di soccorso erano già in atto, ci hanno chiesto come mai fossimo in quella zona e abbiamo risposto loro che durante la navigazione ci siamo imbattuti nel gommone. A quel punto hanno lasciato che terminassimo il soccorso".

Ong: "Verso Lampedusa perché è porto sicuro più vicino" - La Mare Jonio - spiega la Ong una nota - si sta dirigendo "in questo momento verso Lampedusa, ovvero verso il porto sicuro più vicino rispetto alla zona in cui è stato effettuato il soccorso. Nel frattempo, è in arrivo una forte perturbazione nel Mediterraneo centrale. Abbiamo chiesto formalmente all'Italia, nostro Stato di bandiera e Stato sotto il quale giuridicamente e geograficamente ricade la responsabilità, l'indicazione di un porto di sbarco per queste persone".

Salvini: "I porti erano e rimangono chiusi" - Sul caso della Mare Jonio il ministro dell'Interno Matteo Salvini è intervenuto solo in tarda serata per ribadire la posizione già espressa in casi analoghi. "I porti erano e rimangono chiusi", ha scritto infatti il vicepremier su Facebook.

Viminale: "Direttiva per stoppare le azioni illegali delle Ong" - Intanto è in arrivo una direttiva per "stoppare definitivamente le azioni illegali delle Ong". Lo fa sapere il Viminale, informando che il documento ribadirà le procedure dopo i salvataggi in mare. La direttiva dovrebbe inibire l'accesso alle acque italiane a tutte le navi umanitarie che soccorrono i migranti non osservando le procedure stabilite.

La priorità, rileva il Viminale, "rimane la tutela delle vite, ma subito dopo è necessario agire sotto il coordinamento dell'autorità nazionale territorialmente competente, secondo le regole internazionali della ricerca e del soccorso in mare". Qualsiasi comportamento difforme, "può essere letto come un'azione premeditata per trasportare in Italia immigrati clandestini e favorire il traffico di esseri umani".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali