FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Caso Diciotti, alcuni migranti chiedono il risarcimento danni allʼItalia | Salvini: "Al massimo un Bacio"

Sono 41 le persone, tra cui un minore, che chiedono al premier Conte e al ministro Salvini tra i 42mila e i 71mila euro

Alcuni migranti che erano a bordo della nave Diciotti hanno presentato un ricorso al tribunale civile di Roma per chiedere un risarcimento per essere stati costretti a rimanere a bordo diversi giorni. Secondo il Viminale, il ricorso è stato presentato da uno studio legale a nome di 41 migranti, tra cui un minore, i quali chiedono al premier Conte e al ministro Salvini tra i 42mila e i 71mila euro. "Risarcimento? Al massimo un Bacio Perugina", ha replicato Salvini.

Dopo esser scesi dall'imbarcazione a Catania, gli stranieri si erano poi rifugiati presso le strutture dell'associazione Baobab Experience. Dei 41 migranti che si sono rivolti allo studio legale, riferiscono ancora fonti del Viminale, 16 risultano essere nati il primo gennaio.

La replica di Salvini - Non si è fatta attendere la replica del vicepremier Salvini: "Permettetemi di rispondere con una grassa risata. Tutti nati il primo gennaio, tutti scomparsi, non prendessero in giro gli italiani. La pacchia è finita, i barconi non arrivano più, al massimo gli mandiamo un Bacio Perugina".

Ricorso anche alla Corte europea dei diritti dell'uomo - Contestualmente a quello depositato presso il tribunale di Roma, è stato presentato un ricorso anche alla Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali