FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Agrigento: vince la causa col Comune dopo 20 anni, ma è morto

Lʼassurda vicenda ha per protagonista un imprenditore di Menfi, ai danni del quale lʼamministrazione sospese, per due anni, i lavori per la costruzione di una piscina

Agrigento: vince la causa col Comune dopo 20 anni, ma è morto

Nel 1997 un imprenditore agrigentino fece causa al Comune di Menfi perché l'amministrazione sospese, per due anni, i lavori per la costruzione di una piscina per la necessità di approvare delle perizie di variante. Ora la Cassazione ha condannato l'ente a risarcire l'impresa. Il proprietario dell'azienda ha avuto così, dopo 20 anni, giustizia ma nel frattempo è deceduto. Per i giudici fu provocato un danno economico alla sua azienda edile.

L'impresa si era aggiudicata l'appalto da 1,5 miliardi di lire nel 1990. Quando i lavori furono bloccati il titolare dell'azienda, Giovanni D'Anna, denunciò un danno economico, considerato che il Comune non gli riconobbe il pagamento di alcune somme relative allo stato di avanzamento delle opere.

Dichiarando illegittima quell'interruzione dei lavori, e dando così ragione all'imprenditore, la Corte d'Appello di Palermo ribaltò la prima sentenza del Tribunale di Sciacca. La Cassazione ha infine confermato la sentenza, sottolineando che il Comune di Menfi "agì con superficialità", condannandolo così a versare le somme dovute alla ditta, nel frattempo lievitate (per gli interessi maturati) a circa 250mila euro. Decisione giunta però giunta dopo la morte di D'Anna, risalente al luglio 2017.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali