FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Siccità, spuntano i negazionisti: "L'acqua? Trattenuta alla fonte per rovinare i raccolti"

L'emergenza viene definita una "truffa", "un modo per scroccarci altri soldi"

Le notizie sulla siccità hanno scatenato i complottisti del web.

Su Twitter e Telegram, in particolare, l'emergenza viene definita una "truffa", "un modo per scroccarci altri soldi" inventato dal governo, che è "bugiardo", e dai media ("venduti"). Lo riporta l'Agi.it, ma leggendo tweet e messaggi vari sui social non è difficile imbattersi in un negazionista della siccità. "Non esiste alcuna siccità. Solo un anno un po' più secco del solito! Basta con ste stron****!": è solo uno degli ultimi.

I no-siccità se la prendono con Mario Draghi perché sarebbe lui ad alimentare una finta emergenza, ma anche con il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, e con quello del Veneto, Luca Zaia. "Le dighe sono colme, quindi stanno trattenendo l'acqua alla fonte per creare siccità e rovinare i vostri raccolti. L'acqua c'è ma Attilio Fontana vi chiude i rubinetti, andate a verificare e postate ovunque le prove, possibilmente coi droni" è un commento apparso sul gruppo Telegram "Libertà di espressione". 


 


"L'immagine risale al 2017 e lo abbiamo beccato anche questa volta" è invece un commento a un post di Zaia che mostra il Po sofferente. Secondo l'Agi.it, da Twitter si evince che i no-siccità spesso sono anche negazionisti del Covid, della guerra in Ucraina e del cambiamento climatico. 


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali