FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Via di casa soltanto per 48 ore, Cassazione: separazione "colpa" della moglie

Allontanarsi da casa per due giorni, a fronte di 20 anni vissuti sotto lo stesso tetto, per i giudici è "una colpa non scusabile". La donna ha perso ogni diritto a casa e assegno

amore, coppia, relazione, matrimonio, fede nuziale, fede, anello,

E' costata cara a una donna di Sassari andare via da casa, anche se per due giorni, per poi tornare indietro. La Cassazione le ha infatti addossato l'addebito della separazione. I giudici hanno puntato l'indice contro la sua "decisione unilaterale" di abbandonare la residenza familiare "ponendo fine alla relazione coniugale", anche se non ci sono state "pressioni, violenze o minacce".

Al rientro a casa, l'uomo, dopo aver cambiato la serratura, non ne ha voluto sapere più niente. La donna, casalinga, dopo 20 anni di matrimonio, è andata così a vivere dalla madre perdendo ogni diritto a casa e assegno. La Suprema Corte le ha addossato l'addebito anche se non aveva un amante. La donna, infatti, stava vivendo un momento di scoraggiamento e fuga da un matrimonio che evidentemente mostrava segni di crisi. A lei si sono uniti i due figli. Al primogenito, che ancora non lavora, il padre deve dare 300 euro al mese. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali