FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Olbia, bimbo autistico fa cadere la maestra | I genitori: "Vogliamo andare a processo"

Mamma e papà del piccolo vogliono andare fino in fondo nonostante il ritiro della querela da parte della docente

Olbia, bimbo autistico fa cadere la maestra | I genitori: "Vogliamo andare a processo"

Due genitori di Olbia, denunciati dalla maestra perché il loro figlio autistico l'aveva fatta cadere a scuola, hanno deciso di affrontare comunque il processo rifiutando la remissione della querela da parte dell'insegnante. "Siamo stati accusati di non essere dei buoni genitori e vogliamo dimostrare il contrario", spiegano mamma e papà del piccolo. I fatti risalgono al 2014.

La vicenda è stata ricostruita dal quotidiano La Nuova Sardegna. Il bimbo all'epoca aveva otto anni e frequentava la terza elementare. Durante le ore di lezione aveva iniziato a correre in aula e la maestra, per cercare di trattenerlo era caduta a terra. I medici le avevano assegnato 15 giorni di cura e a quel punto la docente aveva denunciato i genitori.

La contestazione riguardava il "non aver impartito al figlio la dovuta educazione al fine di contenere i comportamenti aggressivi verso se stesso e verso gli altri". Avviato il processo davanti al giudice di pace, l'insegnate ha deciso di ritirare la querela, ma i genitori non hanno accettato la remissione chiedendo di essere comunque processati: "Siamo stati accusati di non essere dei buoni genitori e vogliamo dimostrare il contrario", hanno spiegato al quotidiano. La prossima udienza è fissata a novembre.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali