FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Samarate, salta l'interrogatorio di Maja: è ricoverato in psichiatria | I legali: "Sue condizioni incompatibili con il carcere"

Il suocero dell'uomo: "Ultimamente era cambiato radicalmente ma non ci ha mai detto da cosa derivasse questo suo malessere"

Strage familiare a Samarate: madre e figlia uccise nel sonno, ferito il fratello

È saltato l'interrogatorio di garanzia di Alessandro Maja.

L'architetto 57enne mercoledì scorso avrebbe provato a togliersi la vita dopo aver ucciso a martellate la moglie, Stefania Pivetta, la figlia,

Giulia di 16 anni

e tentato di uccidere il figlio

Nicolò di 23 anni,

ancora ricoverato in terapia intensiva ma in condizioni stabili. Gli avvocati hanno fatto sapere alle autorità che le

condizioni mentali

dell'uomo, ricoverato a Monza nel reparto di Psichiatria, non sarebbero compatibili con la detenzione in

carcere

.

La testimonianza del suocero

- "

Era una persona squisita, voleva bene ai suoi figli

- ha raccontato Giulio Pivetta, padre di Stefania, in una intervista a

Pomeriggio 5

- In questi ultimi tempi, però, era cambiato radicalmente: parlava poco, era molto riservato, non ci ha mai detto esattamente da cosa derivasse questo suo

malessere

". Il suocero ha anche smentito la voce che voleva la coppia in procinto di separazione.
 



 


Salta l'interrogatorio

- Un cambiamento che lo avrebbe portato poi a commettere il duplice omicidio e a tentare il terzo. La

difesa

di Alessandro Maja, rappresentata dagli avvocati Enrico Milani e Sabrina Lamera, ha comunicato che l'uomo, ora ricoverato nel reparto di Psichiatria del San Gerardo di Monza, non è in grado di parlare e proprio per questo l'interrogatorio di garanzia per la convalida del fermo, che doveva tenersi ieri a Busto Arsizio, sarà rinviato a

nuova data. 


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali