FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Omicidio Eleonora e Daniele, killer in muta da sub aveva mappato le telecamere in strada

Lʼassassino si era preparato il piano di fuga. Si indaga nella cerchia degli esperti di immersioni: anche lʼarma sarebbe un coltello usato dai sub

Lecce, uomo e donna uccisi in un condominio

Un omicidio premeditato quello di Eleonora Manta e Daniele De Santis avvenuto lunedì 21 settembre a Lecce. E' quanto sembra profilarsi agli occhi degli inquirenti con le ultime prove raccolte. Il killer aveva un biglietto sul quale aveva segnato tutte le telecamere della zona e con cui aveva preparato un percorso di fuga grazie al quale non si sarebbe fatto riprendere. Inoltre per meglio mimetizzarsi ha anche indossato una muta da sub.

La zona attorno alla palazzina di via Montello dove la coppia di fidanzati è stata massacrata ha diverse telecamere di sorveglianza. Comprese quelle della residenza universitaria "Maria Corti" che quella di una "colonia" felina tutelata da associazioni animaliste. Eppure l'assassino viene ripreso solo da un paio di queste per pochi secondi. Un biglietto, fatto a pezzi dal killer ma ricostruito dagli inquirenti, ha spiegato il motivo: l'omicida aveva mappato tutte le telecamere della zona e si era costruito un percorso di fuga "sicuro". E nelle uniche zone dove è stato ripreso il killer si premurato di indossare bene il cappuccio della felpa che indossava.

 

 

L'abbigliamento da sub - Anche sull'abbigliamento indossato dal killer si stanno concentrando le indagini. Inizialmente si pensava che l'omicida indossasse una tuta da motociclista ma ora che le indagini avanzano si pensa che quella addosso al fuggitivo fosse una muta da sub. Un abbigliamento che rende ancora più anonimo il suo corpo. Ad avvalorare questa tesi c'è anche l'arma utilizzata per uccidere Eleonora Manta e Daniele De Santis. Si tratta di un coltello da sub. Ed per questo che gli inquirenti stanno cercando di indagare nel campo dei sommozzatori. Chi compra queste attrezzature probabilmente ha un brevetto da sub.

 

Chi è Andrea? - Un delitto premeditato, sono convinti gli inquirenti. E tra le altre certezze che emergono c'è quella dell'intimità tra le vittime e il carnefice. Che la coppia abbia aperto la porta ad un individio così vestito lo si può spiegare solo con una conoscenza approfondità tra i protagonisti di questo giallo. E poi c'è quel nome, Andrea, urlato da Eleonora negli ultimi momenti di vita. Un nome sentito dall'unico testimone del delitto, un vicino di casa che sentendo il trambusto è uscito e ha sentito l'aggressione finale alla ragazza avvenuta nella tromba delle scale. Il testimone si chiama Andrea e quindi l'urlo di Eleonora potrebbe anche essere stato rivolto a lui. Ma Andrea è anche il nome di un ex fidanzato di Eleonora, un 37enne  originario di Aradeo, paesino a 5 chilometri da Seclì, dove risiedeva la ragazza. La procura di Lecce lo ha sentito ma ha smentito la notizia circolata di un suo fermo. 

 

Celebrati separatamente i funerali di Eleonora e Daniele - Saranno officiati sabato, con due cerimonie separate, i funerali dell'arbitro di calcio di serie Pro, Daniele De Santis, di 33 anni, e della sua fidanzata, Eleonora Manta, di 30. Quelli di Daniele si terranno nel Duomo di Lecce e saranno officiati dall'arcivescovo Michele Seccia; i funerali di Eleonora Manta si terranno in piazza a Seclì, cittadina salentina dove la giovane era nata, e a celebrarli sarà lo zio sacerdote della ragazza.

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali