FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Pordenone, usano le foto della piccola Elisa, morta di leucemia a 6 anni, per una finta raccolta fondi | Il padre: "Denunciamo"

"Stanno cercando di usare l'immagine della mia cara Elisa", ha scritto il padre Fabio

Hanno postato le foto di Elisa, la bimba di Pordenone morta di leucemia, a 6 anni, nove mesi fa dopo una lunga battaglia, per una finta raccolta fondi. "Stanno cercando di usare l’immagine della mia cara Elisa, deceduta lo scorso anno causa leucemia, per trarne profitti illeciti. Vi chiedo la massima condivisione per cercare di fermare questo scempio", ha scritto il padre della piccola, Fabio Pardini, su Facebook. Come riporta Il Gazzettino, l'uomo ha deciso di sporgere denuncia. 

Come dimostrano le immagini postate dal padre della bimba sulla pagina Pardini Fabio Per Elisa, l'immagine della piccola è apparsa in un gruppo Facebook dove si chiedevano fondi per aiutarla a sconfiggere la malattia. La bimba, però, è deceduta mesi fa. 

 

Intanto, il padre ha detto che si rivolgerà alle autorità e, su Facebook, ha ringraziato tutti coloro che lo hanno sostenuto: "Volevo permettermi di ringraziare tutte le persone che ancora una volta sono state solidali con noi per l'increscioso fatto".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali