FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Torino: 83enne uccide moglie, figlio e padroni di casa e poi si spara

La tragedia a Rivarolo Canavese. Non sono ancora stati chiariti i motivi del gesto

Un 83enne, Renzo Tarabella, ha sparato e ucciso la moglie, il figlio disabile e i due anziani coniugi proprietari della loro abitazione in un appartamento di Rivarolo Canavese, nel Torinese. Quando, in piena notte, i carabinieri hanno cercato di entrare in casa con l'aiuto dei vigili del fuoco, l'uomo si è sparato ferendosi gravemente. Non sono ancora stati chiariti i motivi del gesto.

Le quattro vittime sono la moglie 79enne di Tarabella, Rosaria Valovatto, il figlio Wilson, 51 anni, e i proprietari di casa Osvaldo Dighera, 74 anni, e
la moglie Liliana Heidempergher, 70, che abitavano al piano superiore dello stabile. I corpi delle quattro vittime, uccise sabato, sono stati trovati dai carabinieri poco dopo le 3 di notte, quando sono riusciti a entrare nell'abitazione. La pistola utilizzata era regolarmente detenuta.

 

 

A dare l'allarme è stata la figlia dei proprietari di casa. La donna, che abita in un edificio di fronte ai genitori, non riuscendo a contattarli al telefono è andata a suonare il campanello e, non trovandoli in casa, ha chiamato i carabinieri. Ma quando i militari sono arrivati e hanno suonato il citofono degli inquilini del piano di sotto, Tarabella ha dapprima risposto al citofono ma poi ha smesso di parlare con loro. E mentre i militari tentavano di entrare in casa dal balcone, si è sparato alla testa. Ora l'83enne è in prognosi riservata, piantonato all'ospedale San Giovanni Bosco di Torino.
 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali