FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Torino, buste con minacce alla Lavazza, alla Ferrero, alla Vergnano ed alla Illy

La missiva, scritta in inglese, è stata spedita alla Lavazza dal Belgio assieme a una bustina di plastica contenente polvere verde. La richiesta:"Soldi o inquiniamo il caffè"

Una busta, con un messaggio di minacce, è stata recapitata alla "Nuvola", il quartier generale della Lavazza, a Torino. Indaga la Digos che esclude per ora la pista anarchica. All'interno del plico c'era una bustina di plastica con polvere verde e una richiesta di soldi per non inquinare il caffè. La lettera, spedita dal Belgio, è scritta in inglese. Buste sospette anche alla Ferrero, alla Illy, alla Vergnano ed a un'azienda di cosmesi lombarda.

Torino, lettera di minacce alla Lavazza

Secondo il 118, alcuni dipendenti hanno lamentato disturbi alle vie respiratorie. Sul posto sono intervenuti carabinieri, vigili del fuoco e Digos. Il caso sembra totalmente differente da quelli delle lettere indirizzate al sindaco di Torino, Chiara Appendino, e al capogruppo della Lega alla Circoscrizione 6, Alessandro Sciretti.

Buste sospette anche alla Ferrero, alla Illy e alla Vergnano - Una busta sospetta, del tutto simile a quella ricevuta alla Lavazza, è arrivata allo stabilimento della Ferrero, ad Alba (Cuneo). All'interno una polvere che verrà fatta analizzare. La produzione industriale non è stata interrotta. Un'altra busta ancora è arrivata giovedì allo stabilimento Caffè Vergnano di Santena (Torino) e una alla Illy.

La lettera alla Lavazza - "In questa busta - si legge nella lettera - troverete oleandrina, un tipo di veleno molto pericoloso. Se lo fate analizzare, vedrete che non è uno scherzo. Non vi fate ingannare dall'aspetto: diluito o meno, il veleno è molto efficiente. Come saprete è molto semplice introdurre un po' di veleno, in polvere o liquido, in uno dei vostri prodotti che si trovano sugli scaffali dei supermercati. Riuscite ad immaginare gli effetti disastrosi, per l'immagine della vostra compagnia, se i clienti iniziassero a morire avvelenati. Quindi, pensateci. Qual è il vostro vantaggio? O perdete 300mila euro (e per voi non è nulla) o perdete irrimediabilmente la vostra reputazione?". Gli autori della lettera si presentano "come persone serie". "Non siamo terroristi, malati di mente - scrivono - ma uomini d'affari...".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali