FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Torino, 40enne uccide la moglie e un figlio, ferisce l'altra gemellina e si suicida

Per la donna non cʼè stato nulla da fare, dei due bimbi uno è deceduto in ospedale: la piccola lotta tra la vita e la morte. Lʼuomo, Alberto Accastello, ha sparato anche al cane. I carabinieri sono intervenuti, allertati dai vicini

Dramma familiare a Carignano (Torino) dove all'interno di una villetta, un 40enne, Alberto Accastello, ha sparato alla moglie Barbara, ai due gemelli e al cane, sparandosi subito dopo alla testa. La donna è stata rinvenuta cadavere dai carabinieri che, allertati dai vicini, sono entrati in casa, mentre i 2 figli minorenni sono stati trasportati al Regina Margherita: uno dei due è morto in ospedale, la sorellina è gravissima

La tragedia è avvenuta all'alba - I carabinieri hanno fatto irruzione, alle 5:30 del mattino, nella villa sfondando la porta, dopo essere stati allertati dai vicini di casa che hanno sentito le grida e poi gli spari. L'omicida era ancora vivo all'arrivo dei militari ma è morto comunque prima del trasporto in ospedale per le conseguenze del colpo che si è sparato. I carabinieri indagano sui motivi del raptus. 

 

L'annuncio dell'omicida al telefono - Il 40enne avrebbe annunciato l'intenzione di compiere la strage in una conversazione al telefono con il fratello, che vive a Racconigi, in provincia di Cuneo. L'omicida, che faceva l'operaio in una ditta che si occupa dell'essiccazione di cereali, deteneva legalmente l'arma utilizzata. La moglie Barbara era impiegata in una ditta della zona.

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali