FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Rivoli, picchiata dall’ex con una mazza: “Ringrazio l’angelo che mi ha salvata, se no sarei l’ennesima donna morta”

A “Pomeriggio Cinque” Katia racconta come è sopravvissuta alle botte dellʼuomo che diceva di amarla

“Ho solo sentito lui che ha detto ti ammazzo, ho pensato basta non c’è nessuno ma poi ho sentito le urla di una ragazza, un angelo che mi ha salvata se no sarei l’ennesima donna morta”. Così Katia, 56enne di Rivoli, Torino, ricorda il momento in cui il suo ex compagno l'ha aggredita nell’androne di casa con una mazza da baseball. La donna si è salvata grazie all'intervento di una ragazza che ha cercato di aiutarla, insieme al figlio, allontanando l'aggressore e prestandole i primi soccorsi.

A “Pomeriggio Cinque” Katia racconta quei momenti tenendo per mano la figlia Rosa: “Aspettava che uscissi, ha sentito i miei tacchi, mi ha dato un colpo da dietro, poi lo ho visto con la mazza in mano – spiega scoppiando a piangere - non vedevo più nulla dal sangue, continuava a darmi colpi sulla testa, solo alla testa”. L’uomo l'avrebbe costretta a scegliere tra lui e i suoi figli e una volta presa la decisione di lasciarlo, l'aggressore ha perso la testa. “Se vi picchia non vi ama, vi considera solo degli oggetti: denunciate”, è il messaggio che Katia vuole lanciare alle telespettatrici.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali