FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Condanna Appendino per i fatti di piazza San Carlo, l'appello dei sindaci al governo: "Rivedere le norme" 

In oltre 2mila hanno sottoscritto il testo del presidente dellʼAnci, Antonio Decaro, per sollecitare il Parlamento a una revisione del Testo unico degli Enti Locali

torino calca piazza san carlo
ansa

La condanna del sindaco di Torino, Chiara Appendino, per i fatti di piazza San Carlo, ha provocato una reazione corale dei sindaci italiani. In oltre 2mila hanno sottoscritto un appello del presidente dell'Anci, Antonio Decaro, per sollecitare il Parlamento a una revisione del Testo unico degli Enti Locali. "Non chiediamo impunità - si legge - ma domandiamo: possono i sindaci rispondere personalmente di valutazioni non ascrivibili alle loro competenze?".

"Possono i sindaci essere condannati per aver fatto il loro lavoro?", affermano i sindaci. 

 

Tra i firmatari i sindaci di Comuni grandi e piccoli, del Sud e del Nord, amministratori di ogni orientamento politico: dalla prima cittadina di Roma, Virginia Raggi, a quello di Milano, Beppe Sala, dal sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, a quello di Cagliari, Paolo Truzzu, dal sindaco di Firenze, Dario Nardella, al sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro.

 

 

Aderiscono i sindaci di tutti i capoluoghi, da Monza (Dario Allevi) a Novara (Alessandro Canelli) da Prato (Matteo Biffoni) a Messina (Cateno De Luca), a Lecce (Carlo Salvemini). Tantissime le firme di sindaci di Comuni piccoli e piccolissimi, piemontesi e sardi, abruzzesi e veneti, siciliani e lombardi.  

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali