FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Torino, ressa in Piazza San Carlo: sindaco Appendino condannata a un anno e 6 mesi

Le accuse sono lesioni, disastro e omicidio colposi per i fatti del 3 giugno 2017 quando, durante la finale di Champions tra Juve e Real, tre persone rimasero uccise nella calca

Chiara Appendino, sindaco di Torino, è stata condannata, con rito abbreviato, per i fatti di piazza San Carlo a un anno e sei mesi, con sospensione condizionale della pena. Condannati a 18 mesi anche tutti gli altri imputati. Le accuse erano di lesioni, disastro e omicidio colposi. Nella centralissima piazza il 3 giugno 2017 tre persone rimasero uccise e 1.500 ferite nella calca che si scatenò durante la proiezione della finale di Champions.

Gli altri condannati - Oltre alla Appendino sono stati condannati a 18 mesi anche tutti gli altri imputati: l'ex capo di gabinetto Paolo Giordana, l'ex presidente di Turismo Torino Maurizio Montagnese, l'ex questore Angelo Sanna e l'architetto Enrico Bertoletti. Il procedimento si riferisce a quanto accadde nel capoluogo piemontese la sera del 3 giugno 2017, durante la proiezione su maxischermo della finale di Champions tra la Juventus e il Real Madrid: un'ondata di panico provocò un fuggi fuggi generale e una calca nella piazza strapiena. 

 

 

 

Appendino: "Accetto e rispetto la sentenza" - "E' una decisione che accetto e rispetto, anche per il ruolo che rivesto". Così Chiara Appendino commenta su Facebook la sentenza. "La tesi dell'accusa, oggi validata in primo grado dalla Giudice, è che avrei dovuto prevedere quanto poi accaduto e, di conseguenza, annullare la proiezione della partita in piazza. E' una tesi dalla quale mi sono difesa in primo grado e che, dopo aver letto le motivazioni della sentenza con i miei legali, cercherò di ribaltare in Appello perché è evidente che, se avessi avuto gli elementi necessari per prevedere ciò che sarebbe successo, l'avrei fatto. Ma così non fu e, purtroppo, il resto è cronaca", aggiunge.

 

"Devo rispondere del gesto di una banda di rapinatori" - Dice inoltre di provare "amarezza" e sottolinea di non avere intenzione di sottrarsi alle responsabilità: ma, scrive, "è altrettanto vero che oggi devo rispondere, in quanto sindaca, di fatti scatenati da un gesto - folle - di una banda di rapinatori", aggiunge, sostenendo che sul "difficile ruolo dei sindaci forse andrebbe aperta una sana discussione". La Appendino conclude dicendosi "fiduciosa di riuscire a far valere le nostre tesi nei prossimi gradi di giudizio". 

 

I figli di una delle vittime: "Il dolore resta" - "La sentenza non ci restituisce nostra madre e non fa scomparire la sofferenza, fisica e psicologica, da lei patita". Commentano così la sentenza Valeria e Danilo, figli di Marisa Amato, rimasta tetraplegica, e poi morta, dopo essere stata travolta dalla folla quella sera del 3 giugno 2017. "Questa sentenza non cancella il dolore e non colma la sua assenza, né oggi né domani", aggiungono i figli della donna, che portano avanti il suo ricordo con la onlus "I sogni di Nonna Marisa".

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali