FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Caso Segre, Biella ci ripensa: la senatrice avrà la cittadinanza onoraria

Il sindaco: "Avevo detto no a come era stata formulata la mozione, non alla cittadinanza. Ora abbiamo raggiunto una soluzione unitaria"

Liliana Segre università bocconi
IPA

Biella conferirà la cittadinanza onoraria a Liliana Segre. Dopo le polemiche per il no della maggioranza di centrodestra, che aveva portato lo showman Ezio Greggio a rifiutare un analogo riconoscimento in solidarietà con la senatrice a vita, il Consiglio comunale ha votato una nuova mozione, priva di riferimenti politici e sottoscritta da tutti i consiglieri di maggioranza e di opposizione.

Il via libera alla mozione è, nelle intenzioni bipartisan del Consiglio comunale, un "segnale forte" da parte di una città che ha ricevuto la Medaglia d'Oro della Resistenza.

 

Fuori dal palazzo comunale, in occasione del Consiglio, un centinaio di persone si è riunito dopo che sui social è nato l'hashtag #nonsiamocretini, in riferimento all'affermazione del sindaco Claudio Corradino, che si era definito "un cretino" per la strumentalizzazione della vicenda, sulla quale, aveva sostenuto, "è stata fatta una speculazione indegna".

 

E ora proprio il primo cittadino ha spiegato che "avevo detto no a come era stata formulata la mozione, non alla cittadinanza onoraria a Liliana Segre. Oggi il Consiglio Comunale di Biella ha approvato con voto unanime ed è stata sottoscritta da tutti i consiglieri una mozione rivista che trasmette unità di intenti. Non ho cambiato posizione, ho aderito volentieri a una proposta arrivata dalle liste civiche di Dino Gentile dopo aver tolto una frase che aveva dato qualche problema. Abbiamo raggiunto una soluzione unitaria che è quello di cui Biella ha bisogno".

 

Il sindaco sottolinea comunque che "l'attacco sferrato alla città di Biella è immeritato. Sono stato insultato sui social network da persone che vorrebbero difendere la Segre con metodi che la stessa commissione Segre condanna".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali