FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Bebè morto di polmonite a Torino, dai medici solo aerosol e dimissioni: aperta unʼinchiesta

La Procura indaga per omicidio colposo. Il neonato era stato visitato allʼospedale Maria Vittoria, dove era nato 20 giorni prima, per forti attacchi di tosse e svenimenti

Bebè morto di polmonite a Torino, dai medici solo aerosol e dimissioni: aperta un'inchiesta

La Procura di Torino ha aperto un'inchiesta per omicidio colposo a carico di ignoti sul caso di un neonato, deceduto il 2 febbraio dopo essere stato visitato dai medici dell'ospedale Maria Vittoria, dov'era nato 20 giorni prima. Dall'autopsia è emerso che il piccolo è morto di polmonite fulminante dovuta a un virus. Dopo averlo visitato in seguito a forti attacchi di tosse e svenimenti, gli era stato prescritto un aerosol ed era stato dimesso.

Il piccolo rifiutava il latte, tossiva ininterrottamente e dormiva tutto il giorno. I genitori, dopo essersi rivolti al pediatra, la notte del 31 gennaio l'hanno portato all'ospedale dove è stato visitato. I medici gli hanno prescritto un aerosol e lo hanno dimesso: sul referto medico si legge "rinite". Il bambino, invece, aveva in corso una polmonite. Tornato a casa, la mattina del 2 febbraio il neonato è svenuto. I genitori hanno chiamato il 118, ma il figlio è morto poco dopo l'arrivo in ospedale.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali