FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Asti, uccise per impedire perizia: 92enne condannato a 30 anni

Il legale: "Sentenza paradossale se si considera lʼetà del mio cliente ricorreremo in appello". La vittima avrebbe dovuto svolgere la perizia sullʼimmobile su cui pendeva un decreto esecutivo

toghe aula tribunale magistrati giustizia

Trent'anni di carcere. E' questa la pena inflitta in primo grado a Dario Cellino, il 92enne accusato dell'omicidio volontario di Marco Massano, geometra 44enne ucciso con un colpo di fucile a Portacomaro (Asti). Il 9 novembre 2018 Cellino sparò per evitare che la vittima potesse svolgere la perizia sull'immobile su cui pendeva un decreto esecutivo. "Sentenza paradossale considerata l'età del mio cliente", ha detto il legale della difesa, Sabrina Zeglio.

L'uomo era presente in aula ed è sempre rimasto in silenzio. "Era ossessionato dalla perdita della casa e ce l'aveva con la banca - ha aggiunto la legale - era arrabbiato e si era sentito tradito per il pignoramento. Ricorreremo in appello".

 

Il giudice ha disposto il massimo delle pena per l'imputato, oltre a due milioni di euro di risarcimento per la vedova e i figli, 400mila euro per i genitori della vittima e 150mila euro per la sorella".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali