FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Più morti che nati, Istat: 212mila italiani in meno in un anno | Cresce solo il Nord, continua il calo al Mezzogiorno

Il numero medio di figli per donna è di 1,29, mentre lʼetà media del parto è di 32,1. Rilevante lʼincremento di popolazione osservato in Lombardia ed Emilia-Romagna

Nel 2019 in Italia si è registrato il livello più basso di "ricambio naturale" degli ultimi 102 anni. Secondo i dati dell'Istat, a fronte di 435mila nuovi nati si sono contati 647mila decessi, con un saldo negativo di 212mila. Il numero medio di figli per donna è di 1,29, mentre l'età media del parto è di 32,1. I numeri vengono illustrati nell'annuale rapporto sugli indicatori demografici.

 

 

Cresce il Nord La crescita demografica si concentra particolarmente nel Nord, mentre si conferma il calo della popolazione nel Mezzogiorno. Secondo i dati Istat, lo sviluppo demografico più importante si è registrato nelle province autonome di Bolzano e Trento, rispettivamente con tassi di variazione pari a +5 e +3,6 per mille. Rilevante anche l'incremento di popolazione osservato in Lombardia (+3,4 per mille) ed Emilia-Romagna (+2,8).

 

La Toscana, pur con un tasso di variazione negativo (-0,5 per mille), è la regione del Centro che contiene maggiormente la flessione demografica e comunque l'ultima a porsi sopra il livello di variazione medio nazionale (-1,9).

 

Sud in calo Totalmente contrapposte le condizioni di sviluppo demografico nelle quali versano le singole regioni del Mezzogiorno, la migliore delle quali, la Sardegna, si attesta nel 2019 a ritmi di variazione della popolazione pari al -5,3 per mille. Particolarmente critica, infine, la dinamica demografica di Molise e Basilicata che, in un solo anno, perdono circa l'1% delle rispettive popolazioni. 

 

Residenti 55 milioni italiani, 5,4 milioni gli stranieri Al primo gennaio 2020 gli stranieri residenti in Italia ammontano a 5 milioni 382mila, in crescita di 123 mila unita' (+2,3%) rispetto a un anno prima. "Nel conteggio - spiega l'Istat - concorrono 220mila unità in più per effetto delle migrazioni con l'estero, 55 mila unità in più per effetto della dinamica naturale (63mila nati stranieri contro appena 8 mila decessi), 46mila unità in meno per effetto delle revisioni anagrafiche e, infine, 109mila unità in meno per acquisizioni della cittadinanza italiana".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali