FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Omicidio Vannini, la rabbia della mamma di Marco: “La famiglia Ciontoli si deve vergognare”

A “Mattino Cinque” i genitori del ragazzo ucciso commentano amareggiati la riduzione della pena per Antonio Ciontoli

"E' una sentenza che è stata emessa non in mio nome e non in nome del popolo italiano. E' lo Stato che ti porta a pensare al farsi giustizia da sola" è così che commenta a "Mattino Cinque" Marina Conte, la madre di Marco Vannini, la riduzione di pena per Antonio Ciontoli il responsabile della morte di suo figlio.

La decisione dei giudici ha lasciato molta amarezza e rabbia ai genitori del giovane ucciso: “Quella famiglia si deve vergognare. Non devono guardarsi allo specchio senza vergognarsi. Hanno lasciato morire Marco e tutte le perizie portate in tribunale dimostrano che si sarebbe potuto salvare se avessero chiamato prima i soccorsi. Non mi hanno neanche dato la possibilità di passare gli ultimi minuti con mio figlio” ha continuato la donna.

Una sentenza quindi che la famiglia Vannini non può accettare: “Io sono una mamma che da 44 mesi si batte per avere giustizia per mio figlio. Continueremo la nostra battaglia giudiziaria".

Antonio Ciontoli era stato condannato a 14 anni di reclusione per omicidio volontario ma i giudici hanno deciso di ridurre la pena a cinque anni per omicidio colposo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali