FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Nel 2018 un omicidio su due è stato commesso da un familiare della vittima

Secondo il rapporto Eures, i delitti si sono dimezzati dal 2000 a oggi, ma non quelli dentro le mura domestiche. A subire sono quasi sempre donne, mogli o ex

Nel 2018 un omicidio su due è stato commesso da un familiare della vittima

In Italia si uccide sempre più dentro le mura domestiche. Secondo il rapporto Eures, nel 50% dei casi le vittime di omicidi sono morte per mano di un familiare. Si tratta della percentuale più alta mai registrata nel nostro paese. Tra i 329 morti del 2018, un terzo sono donne, mogli o ex degli assassini. La maggior parte dei crimini, quindi, si commette all'interno della coppia.

Il numero degli omicidi dal 2000 a oggi si è dimezzato, con una diminuzione del ricorso alla violenza estrema in generale. Non è accaduto lo stesso per quanto riguarda i delitti familiari, che hanno registrato così un'impennata, passando dal 30% al 50% del totale di crimini. 
 
Dall'inizio dell'anno ci sono state 64 vittime di omicidio, metà delle quali all'interno di una coppia. Ancora una volta, sono le donne a subire maggiormente le violenze dentro le mura domestiche.   
 
Preoccupante è anche la voce che riporta il numero dei figli uccisi dai genitori. Tra il 2000 e il 2018 la media è pari a 25 vittime, ovvero uno ogni due settimane circa. Spesso i figli sono vittime collaterali degli omicidi di coppia.
 
In aumento anche il fenomeno degli omicidi compassionevoli, dettati dall'intenzione di mettere fine a una situazione di sofferenza della vittima, data da una malattia terminale, demenza senile o grave disabilità. Sono stati 23 i casi del 2018 e in molti di essi si è assistito anche al suicidio dell'assassino.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali