FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Miss Italia, il dolore di Patrizia Mirigliani: "Ho denunciato mio figlio per salvarlo dalla droga"

Il 31enne accusa la madre di averlo fatto allontanare da casa: "Non nascondo i miei problemi di dipendenza ma ora sono pulito. Quello che ha fatto è imperdonabile"

La patron di Miss Italia ha fatto una scelta difficile, forse la più difficile per una madre. Patrizia Mirigliani ha infatti denunciato il figlio per salvarlo dalla droga. "Non avevo scelta", ha spiegato, dopo che il giudice ha disposto per il 31enne l'obbligo del braccialetto elettronico e il divieto di avvicinarsi alla mamma a meno di 400 metri. L'uomo è stato denunciato per estorsione, minacce e violenza.

Intervista da Tpi.it, la Mirigliani ha raccontato che la dipendenza del figlio è iniziata quando lui aveva 18 anni e di averlo portato in ben sette comunità per cercare di salvarlo. Ma evidentemente è stato tutto inutile. "Se sono arrivata al punto di denunciare mio figlio - ha detto - è perché sono distrutta". 

 

La patron del concorso di bellezza ha poi spiegato di essere dispiaciuta per il braccialetto elettronico, "ma erano pressioni continue con urla e richieste di soldi, sono dodici anni che Nicola mi ruba a casa. Io e il padre siamo disperati, è la battaglia più devastante che abbia mai fatto".

 

Diversa la versione del figlio che, intenzionato a denunciare la madre per averlo fatto allontanare da casa, ha spiegato: "Io non nascondo i miei problemi con la droga, sono cominciati a 18 anni, adesso ne ho 31, in passato ho fatto qualche furtarello a casa, ma ora sono pulito. Mia madre ha fatto la cosa più brutta che si può fare a un figlio e voglio renderla pubblica, è imperdonabile".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali