La sentenza

Milano, sparatoria nelle strade della movida: condannati i trapper Baby Gang e Simba La Rue

Le pene stabilite: 5 anni e due mesi e 6 anni e 4 mesi. Nella notte tra il 2 e il 3 luglio in via di Tocqueville, attorno a Corso Como, rimasero feriti due senegalesi

15 Nov 2023 - 20:43
 © Tgcom

© Tgcom

I trapper Mohamed Lamine Saida, detto Simba La Rue e Zaccaria Mouhib, ossia Baby Gang (a 5 anni e 2 mesi) sono stati condannati rispettivamente a 6 anni e 4 mesi e 5 anni e due mesi. I due, processati con rito abbreviato, avevano preso parte a una sparatoria in cui rimasero feriti due senegalesi, avvenuta nella notte tra il 2 e il 3 luglio 2022 in via di Tocqueville, nella zona della movida milanese attorno a Corso Como. Lo ha stabilito la settima penale di Milano che ha condannato anche altri sei giovani della loro "crew" a pene fino a 5 anni e 8 mesi. I due trapper erano stati arrestati all'alba di venerdì 7 ottobre in un'operazione congiunta di polizia e carabinieri.

© Tgcom24

© Tgcom24

Pene più altre rispetto alle richieste della procura

 I giudici (Tremolada-Pucci-Gallina) hanno confermato, con pene più alte rispetto a quelle chieste dalla procura, l'impianto accusatorio dell'inchiesta coordinata dal pm Francesca Crupi e condotta da polizia e carabinieri. Riconosciute tutte le imputazioni contestate: dalla rapina, "il fatto più grave" per i giudici, fino alla rissa, alle lesioni gravi e al porto della pistola, riqualificato come detenzione di arma clandestina. Per Simba, che per l'accusa avrebbe portato quella sera la pistola, mai trovata, la procura aveva chiesto 5 anni e 8 mesi e per Baby Gang 4 anni e 8 mesi. La condanna per quest'ultimo, a 5 anni e 2 mesi, comprende in continuazione un patteggiamento definitivo per un'altra pistola che gli fu trovata quando venne arrestato assieme agli altri nell'ottobre 2022, su ordinanza del gip Guido
Salvini. 

Milano, movida violenta: arrestati i trapper Baby Gang e Simba La Rue

1 di 35
© Ansa © Ansa © Ansa © Ansa

© Ansa

© Ansa

Le altre condanne

 Sono stati condannati anche Faye Ndiaga, a 5 anni e 8 mesi, colui che materialmente gambizzò i due senegalesi; Eliado Tuci, 4 anni e 6 mesi; Pape Loum, a 4 anni e 5 mesi: Mounir Chakib, detto "Malippa", il manager dei trapper, a 3 anni e 8 mesi. E ancora 4
anni e 2 mesi per Alassane Faye e Andrea Rusta. Nessuno di loro è ancora in carcere.

I precedenti

 Baby Gang, 22 anni, è stato già condannato a 4 anni e 10 mesi per una rapina in primo grado, mentre Simba, 21 anni, a 4 anni nell'altro procedimento parallelo su una "faida" tra gruppi di trapper.

Il pm: intento di "sopraffazione" del gruppo

 Il pm nel processo sulla sparatoria aveva messo in luce l'intento di "sopraffazione" del gruppo: non hanno rubato (un borsello ai due senegalesi) perché "hanno bisogno di soldi, come testimoniano i loro contratti e i loro cachet". L'ultima "resipiscenza" degli imputati, tra cui le parole, nel senso di un cambio di vita, pronunciate da Baby Gang in udienza, secondo il pm, "vale poco". Gli imputati, difesi dai legali Niccolò Vecchioni e Jacapo Cappetta, hanno risarcito i feriti, ma per la procura "si è trattato di qualche centinaio di euro, niente in confronto dei loro cachet".

I giudici hanno comunque concesso le attenuanti generiche per tutti gli imputati, presenti in aula e che se ne sono andati senza parlare.

Ti potrebbe interessare

Commenti (0)

Disclaimer
Inizia la discussione
0/300 caratteri