FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Migranti, la nave cargo Alexander Maersk attracca al porto di Pozzallo

Eʼ finita lʼodissea dellʼimbarcazione danese, battente bandiera olandese, per ore in attesa dellʼautorizzazione del Viminale

Dopo l'autorizzazione del ministero dell'Interno, la nave cargo Alexander Maersk è approdata al porto di Pozzallo, nel Ragusano. L'imbarcazione danese, battente bandiera olandese, era ferma da venerdì davanti allo scalo siciliano. Lo rende noto il sindaco Roberto Ammatuna sottolineando che "finisce così l'incubo per 108 migranti a bordo dell'imbarcazione". "Ora potranno essere accolti ed assistiti nel migliore dei modi", spiega Ammatuna.

Alexander Maersk, lʼapprodo al porto di Pozzallo

L'approdo e le operazioni di sbarco - Per le operazioni di attracco il comandante del cargo ha chiesto l'aiuto di un rimorchiatore e di un pilota a bordo. La portacontainer ha infatti una lunghezza di 113 metri e le operazioni di approdo sono state particolarmente complesse. Dalla nave è sceso per primo il medico marittimo Vincenzo Morello, che ha verificato la situazione sanitaria dei migranti e ha assicurato che tutto è "sotto controllo". Subito dopo sono cominciate le operazioni di sbarco dei 108 migranti, tutti uomini tranne che per una donna e due bambini, che sono stati successivamente trasferiti in un hot spot per la loro identificazione.

Ricongiunta una famiglia sudanese - Lo sbarco della Alexander Maersk ha permesso anche il ricongiungimento di una famiglia sudanese che si era dovuta separare dopo l'evacuazione sanitaria dalla nave avvenuta sabato mattina, con una ragazzina di 8 anni fortemente disidratata ricoverata in ospedale per una gastroenterite. Insieme a lei erano scesi dalla nave la madre e la sorellina di due anni mentre a bordo erano rimasti il padre e un fratello di 4 anni. La famiglia si è quindi ricongiunta per la gioia della bimba più piccola che da giorni chiedeva notizie del padre e del fratellino.

La gioia del sindaco di Pozzallo - "Non posso non manifestare la mia soddisfazione per la positiva conclusione perché si è avverato l'auspicio contenuto nel mio appello". "Era una decisione attesa non solo da parte mia ma anche da tutta la città - afferma il sindaco Roberto Ammatuna - che ha vissuto con apprensione l'evolversi della situazione".

Ammatuna "ringrazia il ministro Salvini per aver accettato la richiesta umanitaria che ho inoltrato e sono sicuro che la decisione assunta sia quella giusta". "Accoglieremo con l'umanità di sempre queste persone che hanno sofferto, cercando di dare loro la dovuta assistenza e restituirgli il sorriso", sottolinea. 

"Un ringraziamento va alla Prefettura, alle forze dell'ordine, alla Capitaneria di Porto e ai volontari per l'impegno profuso; un ringraziamento particolare va inoltre al comandante e all'equipaggio della nave Alexander Maersk per l'umanità dimostrata". "Oggi - conclude Ammatuna - è un giorno importante, perché oltre alla lieta conclusione della vicenda è stato dimostrato che la solidarietà è ancora un sentimento diffuso".

Medici a bordo del cargo - Prima dello sbarco una motovedetta della Guardia Costiera aveva accompagnato i medici a bordo della nave che si trovava nella rada per il monitoraggio sanitario dei migranti.

Salvini: "Accolta perché abbiamo un cuore buono" - Entrando all'assemblea di Confartigiano, il ministro Salvini ha commentato lo sbarco della Maersk a Pozzallo: "Abbiamo il cuore buono a differenza di Macron". Il leader della Lega ha poi ribadito la linea dura sulle Ong: "Non toccheranno mai più un porto Italiano. Il cargo aveva persone da soccorrere su indicazione della guardia costiera, che è lo Stato italiano. Le Ong straniere non toccheranno più porti italiani".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali