FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Manuel Bortuzzo si confessa: "Sono tornato ad allenarmi, ora non mi ferma più nessuno"

Il giovane nuotatore, rimasto paralizzato in seguito a una sparatoria, si racconta in esclusiva a NewsMediaset. Per la prima volta parlano anche il padre e i fratelli

La stoffa del campione a Manuel Bortuzzo sicuramente non manca. Il talento del nuoto, paralizzato in seguito a una sparatoria avvenuta lo scorso 3 febbraio, è tornato in acqua un mese dopo l'incidente e in esclusiva ai microfoni di NewsMediaset confessa: "Da quando sono tornato in piscina mi sento molto meglio. Il nuoto resterà sempre al primo posto nella mia vita". Manuel infatti non perde occasione per allenarsi, anche quando torna a casa dalla sua famiglia a Treviso. Per la prima volta, parlano anche i fratelli, che esprimono tutta la loro ammirazione. "Manuel per noi è un eroe" spiega Kevin, uno dei due fratelli.

Con il supporto di tutta la sua famiglia e con un coraggio e una determinazione unici, Manuel continua la sua riabilitazione: "Ci vorrà tempo - continua il nuotatore 19enne - il percorso sarà lungo. Ma ora che ho iniziato ad allenarmi non mi fermo più". A Manuel l'ambizione non manca e così, scherzando, rilancia la sfida ai due grandi campioni del nuoto, suoi amici, Gabriele Detti e Gregorio Paltrinieri: "Non ce n'è per nessuno".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali