FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Mafia, Cartabia: "La norma sui collaboratori di giustizia va preservata"

Il ministro in audizione in Commissione parlamentare Antimafia: "Comprendo benissimo come possa rinnovare un dolore mai sopito la notizia della scarcerazione di gente come Giovanni Brusca"

La norma sui collaboratori di giustizia "è una norma da preservare". E' quanto afferma il ministro Marta Cartabia in audizione in Commissione parlamentare Antimafia. "Comprendo benissimo come possa rinnovare un dolore mai sopito la notizia della scarcerazione di chi, come Giovanni Brusca, ha attivamente partecipato all'attacco di Cosa Nostra allo Stato, a cominciare da quello del piccolo Giuseppe Di Matteo", ha aggiunto.

Il ministro della Giustizia si è soffermato "sull'importanza del contributo" fornito dai cosiddetti "pentiti". Esso "si è storicamente rivelato assai rilevante", ha spiegato, evidenziando l'importanza dei riscontri a supporto delle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia.

 

"L'avviso di garanzia torni un atto di tutela, non uno stigma" - Parlando poi della riforma dell'abuso d'ufficio, in relazione alle indagini che hanno coinvolto il sindaco di Crema, Cartbia ha evidenzia come occorra "restituire ai fondamentali passaggi dell'iscrizione della notizia di reato, e della comunicazione che ne viene fatta all'indagato, il significato di tutela che gli è proprio. Nei fatti, la comunicazione all'interessato dell'avviso di  garanzia spesso diviene invece di dominio pubblico e rischia di innescare di un meccanismo di stigmatizzazione sociale, a detrimento anziché a vantaggio della persona destinataria".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali