FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Rider senza mance, Fedez: "La blacklist dei vip è da fascisti"

Tra i personaggi famosi messi alla gogna dai fattorini milanesi che consegnano il cibo a domicilio anche il rapper che risponde alle accuse dalla Polinesia. Platinette: "Cancellate tutte le app"

Dopo la rivolta dei rider contro i vip che non lasciano la mancia alla consegna del cibo e la dura presa di posizione delle aziende dei fattorini, anche la reazione dei personaggi famosi inseriti nella blacklist dei taccagni non si è fatta attendere. A partire da Fedez che dalla Polinesia, con una storia su Instagram, è passato all'attacco. "Aldilà dell'infondatezza della notizia, parlano tutti di lotta di classe 2.0 - ribatte il rapper, - ma le mance sono il non plus ultra dello sfruttamento del capitalismo. E le liste di proscrizione sanno di fascio". Anche Platinette risponde: "Cancellate tutte le app, non ordinerò più cibo a domicilio".

La difesa di Fedez: spostare l'attenzione sulle mancette è stupido"In America - continua Fedez nel suo video - le mance sono obbligatorie perché il datore di lavoro ti può pagare di meno e se il cliente non dà la mancia causa un danno". 

"Peccato, - sottolinea il cantante, - che questo sia il modo meno sindacalizzato e tutelato per lavorare. La tua sopravvivenza di lavoratore non può essere garantita dal cliente perché rischi di fare una vita di m. E non capire questo e spostare l'attenzione sulle "mancette" è la cosa meno di sinistra e meno lotta di classe possibile, è stupido".

La rabbia di Platinette: basta, non ordinerò più cibo a domicilioPlatinette, all’anagrafe Mauro Coruzzi, a Il Corriere della Sera ribadisce il diritto di non lasciare la mancia, "perché compresa nel prezzo". "Non credo spetti ai vip - spiega - occuparsi dell’economia del rider, che magari pensa che sono un ciccione bavoso che ordina cibo compulsivamente, non sapendo che soffro di una malattia grave come la bulimia".

E racconta il suo rapporto con le consegne di cibo a domicilio. "Io ordino dopo mezzanotte, quando ho già svuotato il frigo, perciò, pago il supplemento, che presumo vada al fattorino. E scelgo ristoranti vicini. Se ho il raptus del carboidrato, sono come un tossico che non può aspettare: 7,90 per una corsa di cinque minuti mi sembra anche caro. E io stesso da ragazzo ho fatto consegne per un verduraio".

Ma dopo che anche il suo nome è finito nella lista nera dei fattorini, Platinette assicura di aver cancellato dallo smartphone tutte le app per le consegne di cibo a domicilio: "Basta, non ordinerò più".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali