FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Milano, migliaia in piazza contro Salvini: "Mai più lager per migranti"

I manifestanti contestano la decisione di chiudere il centro accoglienza di via Corelli, che dovrebbe essere trasformato in una struttura per il rimpatrio

Alcune migliaia di persone sono scese in piazza a Milano per protestare contro la decisione del ministero dell'Interno di chiudere il centro di accoglienza per richiedenti asilo di via Corelli. Secondo Matteo Salvini, la struttura deve invece trasformarsi in un centro per il rimpatrio. Al corteo hanno partecipato anarchici e centri sociali, ma anche associazioni cattoliche che si occupano di migrazioni, sotto lo slogan "mai più lager".

Milano, la sinistra antagonista manifesta contro il decreto Salvini

Tra gli striscioni esibiti dai manifestanti le scritte "Lega Salvini e lascialo legato" e "Lega ladrona. Salvini casta". Le forze dell'ordine hanno riferito che non ci sono state tensioni e che il corteo ha seguito il percorso prestabilito, senza disordini o tafferugli.

Il "manifesto" della protesta - Sulla pagina Web del centro sociale Cantiere si possono leggere alcune dichiarazioni di principio relative ai motivi della manifestazione e dell'impegno verso i migranti: "Ad accusarci di 'buonismo' - si legge - sarà solo chi è così cieco da non avere ancora compreso che gli stranieri nel nostro Paese sono solo le cavie dell'ultimo stadio dell'esperimento di successo, avviato negli anni Novanta, di marginalizzazione delle minoranze e delle diversità, di sfruttamento delle categorie più deboli, ma anche di progressiva precarizzazione dei diritti civili, sociali e politici, che interessano tutte e tutti. Mentre l'istigazione all'odio dello straniero (ormai... istituzionalizzata) è solo l'arma di distrazione di massa per mimetizzare questo processo trasversale, oltre ad essere il fondamento di una irresponsabile strategia elettorale, allo stato - anzi, allo Stato - purtroppo vincente".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali