FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Cremona, si accordavano sui social per scatenare risse in strada: 7 arresti | Unʼintera classe nel mirino dei bulli

Sgominata una baby gang: gli indagati, tra i 15 e i 18 anni, avevano trasformato angoli della città in veri ring. Altri 18 denunciati

Sette giovani tra i 15 e i 18 anni sono stati arrestati dai carabinieri di Cremona con l'accusa di aver trasformato alcune vie e piazze della città in veri e propri ring, dove si davano appuntamento (grazie ai social) per scatenare violente risse o per aggredire altri studenti. Quattro sono finiti in carcere, altri tre ai domiciliari. Decine gli episodi di violenza postati e commentati sulla pagina di Instagram "Cremona.dissing". I bulli, inoltre, su questo profilo, minacciavano un'intera classe di un istituto superiore.

Provocavano la vittima per avere una reazione - La baby gang era composta da veri e propri "bulli social" - una trentina di giovani - e ha imperversato per mesi, prendendo di mira giovanissimi e scatenando decine di episodi di violenza, con un modus operandi già prestabilito: la provocazione verbale di uno della banda nei confronti della vittima designata, con una reazione da parte di quest'ultima, anche solo verbale e quindi la vendetta, con un attacco di gruppo a suon di pugni.

La città trasformata in un "ring per uomini veri" - Come in "Fight Club", anche i ragazzi di Cremona si davano appuntamento per picchiarsi. Punto di incontro era la centralissima piazza Marconi. "Allora alle 4 si jumpa?", uno dei messaggi nella chat ad indicare l'orario dell'appuntamento. Nella pagina Instagram erano pubblicati i video delle risse e venivano pubblicate immagini di Piazza Marconi resa simile ad un ring per incontri di box, con la scritta "the ring is for boy", che significa "il ring è per ragazzi" e sull'immagine della piazza "This Ring is for real men" che tradotto significa "questo ring è per uomini veri".

Le aggressioni condivise sui social - Secondo gli inquirenti sono stati accertati diversi episodi di danneggiamento, vandalismo, atti persecutori, risse, lesioni e spaccio di sostanze stupefacenti, ai danni di altri giovani studenti cremonesi, postati e pubblicati poi su Instagram. Una pagina che era diventata un "palcoscenico", in cui i componenti del branco "vivevano" rendendo pubblico il loro operato, anche come sfida aperta alle autorità. Gli arrestati sono accusati di rapina e tentata estorsione, concorso in atti persecutori, spaccio di sostanze stupefacenti, danneggiamento e risse. Il 'branco' era composto prevalentemente da minorenni, ma, per la presenza di qualche 18enne, l'inchiesta è stata condivisa tra procura per i minorenni di Brescia, con il pm Emma Avezzù, e la procura di Cremona con la collega Vitina Pinto.

Cremona, sgominata baby gang: seminava il terrore in città con risse, rapine ed estorsioni agli studenti

Un'intera classe nel mirinoLa gang sgominata dai carabinieri di Cremona, che organizzava risse e pestaggi nella città lombarda, sulla pagina Instagram "Cremona.dissing" minacciava un'intera classe di un istituto superiore per farsi consegnare denaro. Sulla chat di gruppo "1/a a meccanica", scrivono gli investigatori, "richiedeva denaro, dietro minacce di aggressioni, a un'intera classe di un Istituto superiore". Le minacce erano andate avanti anche fuori da scuola, su un autobus.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali