FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Cremona, film horror in terza media: malori in aula e proteste

Un supplente ha dato il suo ok alla proposta degli studenti di vedere una pellicola. Ma gli alunni hanno scelto uno splatter, "Terrifier", e di fronte a scene di sangue e omicidi, molti si sono sentiti male

terrifier, film horror, locandina, clown
Ansa

In una scuola media di Cremona, durante un'ora buca, il supplente ha dato il suo ok alla proposta degli studenti di terza media di proiettare un film in aula, lasciando ai ragazzi la libertà di vedere quello che desideravano.

Gli alunni hanno così scelto "Terrifier", una pellicola splatter del 2016, vietata ai minori di 18 anni, particolarmente violenta che ha come protagonista un clown omicida seriale. E così, di fronte a scene di squartamenti, sangue e omicidi cruenti, molti degli studenti si sono sentiti male, lamentando nausea, e la proiezione è stata interrotta. Inevitabilmente, è scattata anche la rabbia dei genitori, con alcuni di essi che hanno scritto al dirigente scolastico chiedendo spiegazioni.

I genitori hanno domandato come fosse stato possibile consentire la visione di un film di quel tipo, intuibilmente in grado di urtare la sensibilità di alunni che, anche solo per l'età che hanno, sono facilmente impressionabili e impreparati a gestire quel tipo di emozione. Il dirigente ha preferito non commentare, limitandosi a spiegare che l'amministrazione scolastica "ha agito nelle modalità previste" e ha organizzato un confronto tra genitori, docente e studenti.

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali