la conferma del ministero

Beccaria, preso quarto ragazzo evaso dal carcere

Il giovane è stato rintracciato e riportato in istituto. La conferma arriva da fonti del ministero della Giustizia

27 Dic 2022 - 21:26
1 di 14
© Ansa © Ansa © Ansa © Ansa

© Ansa

© Ansa

Un quarto ragazzo, un 17enne di origine marocchina, del gruppo di sette evasi dal carcere minorile Beccaria di Milano il giorno di Natale è stato preso e riportato nell'Istituto. È quanto confermano fonti del ministero della Giustizia. 

Il 17enne individuato grazie a una segnalazione

 I militari sono intervenuti in Piazza Marinai d'Italia a seguito di una segnalazione da parte di un cittadino, arrivata direttamente alla centrale operativa dei Carabinieri di Sesto, per la presenza di un gruppo di ragazzi che si intrattenevano con musica ad alto volume. Alla vista dei carabinieri, alcuni giovani hanno tentato di fuggire, ma sono subito stati fermati dai militari. Identificati, si è scoperto che uno dei ragazzi era proprio uno degli evasi dall'Istituto penitenziario minorile. 

Il 17enne non si è quindi presentato spontaneamente come successo lunedì per uno dei ragazzi evasi, convinto, pare, a costituirsi dai genitori. Gli altri due evasi tornati in carcere erano stati invece rintracciati dalla polizia penitenziaria.

Ancora quattro in fuga

 All'appello mancano ora tre ragazzi, tutti italiani. Uno dei quattro ragazzi presi è già comparso davanti al giudice delle direttissime che ha convalidato il suo arresto per evasione: ha raccontato che è fuggito perché voleva andare "in una comunità terapeutica". Maggiorenne da alcuni mesi, di origini ecuadoriane, al Beccaria ci era finito ad aprile, ancora minorenne, con altri appartenenti alla baby gang 'Z4', non esattamente una banda di Latinos, dal momento che era composta da ragazzi anche italiani, alcuni addirittura meno che quattordicenni, tanto da essere non imputabili.

L'evasione dal Beccaria

 I sette ragazzi, tra i 17 e i 19 anni (cinque italiani, un ecuadoriano e un marocchino) nel pomeriggio di domenica, giorno di Natale, si trovavano nel campo da calcio all'interno dell'istituto quando, approfittando del ridotto personale durante le feste, hanno rotto la protezione di legno che circondava un cantiere presente da anni e hanno utilizzato le impalcature presenti per calarsi dal muro di cinta del Beccaria. Uno dei sette si sarebbe aiutato anche con un lenzuolo. Dopo l'evasione, altri detenuti hanno appiccato un incendio all'interno del carcere.

Ti potrebbe interessare

Commenti (0)

Disclaimer
Inizia la discussione
0/300 caratteri