FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Fernando, ritrovato dopo otto anni, racconta la sua fuga: "Al paese mi chiamavano il rumeno, ci stavo male"

Ora è a casa degli zii a Palombara Sabina. Ha fatto pace con la madre. "Devo ringraziare Genova, mi ha salvato", dice il ragazzo

fernando vasile 

"Mi chiamavano il rumeno, questa cosa mi faceva stare male e dopo un litigio con mia madre ho deciso di andarmene". A parlare è Fernando Vasile, il ragazzo scomparso otto anni fa da Palombara Sabina, in provincia di Roma, quando aveva 16 anni e ritrovato grazie alla trasmissione "Chi l'ha visto?" a Genova. Cosa ha fatto in tutti questi anni? "Mi sono comportato bene - dice -. ho vissuto di elemosine, Genova mi ha salvato".

Ora Fernando è tornato a Palombara Sabina, ospite degli zii. Sua madre nel frattempo, che aveva perso le speranze di ritrovarlo, è tornata in Romania, il suo Paese di origine. Mamma e figlio si sono sentiti al telefono. "I primi cinque minuti sono stati di solo pianto", racconta a Repubblica il ragazzo. Agli altri familiari, il ragazzo ha detto un semplice "scusatemi".

 

Fernando è il classico bravo ragazzo. Da anni chiedeva l'elemosina sotto i portici di via Dante a Genova, di fronte alla casa dove è nato Cristoforo Colombo. In questa zona lo conoscevano tutti, è sempre stato gentile, aiutava anche gli anziani a salire sull'autobus. E c'era sempre qualcuno che gli regalava qualcosa. "Alla fine riuscivo a racimolare anche 50 euro al giorno", dice Fernando.

 

A Genova ci è arrivato dopo aver girato un po': prima Roma, poi la Calabria e infine Genova. "Qui erano tutti gentili, non mi facevano domande e mi sono fermato", racconta. Fernando non smette di ringraziare i liguri, oltre all'elemosina che raccoglieva al mattino, il pomeriggio si dedicava a qualche lavoretto. Durante la pandemia ha iniziato a consegnare pacchi. Ora vive con una ragazza a Genova. Non sa cosa farà nel futuro, la timidezza che aveva da piccolo gli è rimasta. Era cresciuto in Romania con la nonna e a nove anni aveva raggiunto la madre in Italia. Voleva conseguire la licenza media, ma qualcosa nell'integrazione sociale è andata male.

 

Ora però le cose sembrano diverse. Gli zii sono felicissimi di averlo ritrovato, gli hanno anche offerto di lavorare con loro come manovale, ma lasceranno a lui la scelta. Quello che conta è averlo potuto ritrovare, il futuro è ancora tutto da scrivere.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali