FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Albenga, torna sull'altare un sacerdote condannato per pedofilia

Nonostante i 7 anni e 8 mesi di carcere inflittigli dalla Cassazione per abusi su una chierichetta, ma lʼassoluzione da parte del Tribunale ecclesiastico consente a don Luciano Massaferro di celebrare la messa

E' stato condannato a 7 anni e 8 mesi in Cassazione per abusi sessuali su una bambina di 11 anni. Ma don Luciano Massaferro, che è invece stato assolto dal Tribunale ecclesiastico di Genova, è tornato a celebrare messa proprio in una chiesa della stessa diocesi dove avvennero i fatti, quella di Albenga. 

Di nuovo sull'altare 10 anni dopo gli abusi - I parrocchiani della chiesa di Sant'Antonio da Padova a Borghetto sono rimasti esterrefatti quando sull'altare hanno riconosciuto quel sacerdote che dieci anni fa era parroco proprio lì e che fu allontanato in seguito alle accuse e al processo, scrive il "Fatto Quotidiano". D'altra parte, proprio la diocesi di Albenga è stata definita più volte il "refugium peccatorum" dei sacerdoti pedofili. A contestargli gli episodi contro la piccola, una chierichetta, fu il pubblico ministero di Savona Giovanni Battista Ferro. 

 

Assolto dal Tribunale ecclesiastico - Dopo la condanna in sede civile, venne avviato il processo ecclesiastico: i giudici della Curia guidata da Angelo Bagnasco nel 2018 decisero per l'assoluzione, con la motivazione che don Massaferro "deve essere completamente riabilitato in quanto non consta che egli abbia commesso i delitti a lui ascritti". 

 

Rete l'Abuso: "Cosa penserà quella famiglia?" - Pesante il commento di Francesco Zanardi, presidente della Rete l'Abuso che da anni segue i casi di pedofilia. ed esprime "sorpresa" per l'assoluzione del tribunale ecclesiale, manifestando sconcerto per il ritorno del prete a celebrare la messa. "Cosa penseranno i familiari della vittima?", dice. E aggiunge che i fedeli "parlano di una piena restaurazione con messe talvolta celebrate in latino, con il sacerdote rivolto verso l'altare che là le spalle ai fedeli e l'ostia che non viene più data in mano. Il contrario di quello che chiede Papa Francesco". 

 

Il vescovo di Albenga: "Può dire la messa" - Il vescovo di Albenga Guglielmo Borghetti, inviato nella città ligure nel 2016 dopo i ripetuti scandali di pedofilia della diocesi, spiega: "Il sacerdote ha pagato il suo debito con la giustizia italiana, è stato anche in carcere ed è interdetto dai pubblici uffici. Non sarà nominato parroco. Però la Chiesa nel suo ambito è sovrana, c'è stata l'assoluzione del Tribunale ecclesiastico che è molto severo. Don Massaferro può dire messa. Non ha una chiesa fissa e si è prestato a celebrare dovunque mancasse un prete". 

 

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali