FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Pedofilia, l'ex parroco di Lione Bernard Preynat: "Abusi su quattro-cinque bimbi a settimana"

La confessione dellʼex sacerdote ridotto allo stato laicale e finito a processo in Francia per atti di pedofilia perpetrati tra il 1971 e il 1991

Per 20 anni ha compiuto abusi su "quattro-cinque bambini a settimana, succedeva nei weekend durante i campi scout". E' la confessione shock dell'ex parroco Bernard Preynat, a processo a Lione per pedofilia. Gli abusi, che ha confessato, sono stati perpetrati su decine di giovani scout tra il 1971 e il 1991. L'ex sacerdote è stato ridotto allo stato laicale a luglio da un tribunale ecclesiastico.

"Non realizzavo il male che ho fatto ai bambini", ha dichiarato l'ex religioso. "Anni dopo, i genitori mi hanno fatto comprendere il male che avevo fatto ai loro figli. Per me, erano dei gesti di tenerezza. Mi è servito del tempo per capire che era male. Per me, all'epoca, non si trattava di aggressioni sessuali, ma di carezze, di coccole".

 

Il processo si era aperto in mattinata dopo il rinvio di lunedì a causa dello sciopero degli avvocati che protestano contro la riforma delle pensioni. Il religioso risponde delle decine di accuse di violenze sessuali su scout che frequentavano la parrocchia negli anni Ottanta e Novanta. Rischia dieci anni di carcere.

 

Sui banchi delle parti civili erano presenti dieci vittime sulle decine segnalate dall'associazione "La Parole Libérée". Al loro fianco, cinque associazioni per la protezione dei minori. Le vittime delle violenze sessuali del 75enne Preynat avevano tutte fra i 7 e i 10 anni d'età all'epoca dei fatti.

 

Il caso è diventato l'emblema dello scandalo pedofilia nella Chiesa francese, coinvolgendo anche il cardinal Philippe Barbarin, già condannato a dieci mesi con la condizionale per omessa denuncia.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali