FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Delitto Vannini, Antonio Ciontoli condannato a 14 anni per omicidio volontario

Nove anni alla moglie Maria Pezzillo e ai figli Federico e Martina, allʼepoca fidanzata della vittima

Antonio Ciontoli è stato condannato a 14 anni di carcere nel processo di appello bis per l'uccisione di Marco Vannini a Ladispoli (Roma) nel maggio 2015. E' stato riconosciuto colpevole di omicidio volontario con dolo eventuale. Inoltre sono stati condannati a 9 anni e 4 mesi la moglie di Ciontoli, Maria Pizzillo, e i due figli Federico e Martina

Per il capofamiglia, quindi, i giudici hanno riconosciuto il reato di omicidio volontario con dolo eventuale, mentre per gli altri componenti della famiglia è stato riconosciuto l'omicidio volontario anomalo.

 

Leggi anche > Ciontoli in lacrime prova a salvare la famiglia: "Sono l'unico responsabile"

 

Soddisfatta la mamma di Marco, Marina, che dopo la lettura della sentenza, ha commentato: "Finalmente è stato dimostrato quello che era palese fin dall'inizio. Se fosse stato soccorso subito Marco sarebbe qui. La giustizia esiste e per questo non dovete mai mollare". Le fa eco il papà della vittima, Valerio, che ha sottolineato: "La giustizia deve essere un diritto di tutti. Abbiamo lottato per averla, l'importante è che prima o poi emerga".

 

Leggi anche > La mamma di Marco: "La giustizia esiste"

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali