FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Scontri a Roma, manifestante ferito rifiuta il tampone: caos al Pronto soccorso

Amici e parenti contro il personale ospedaliero. Il ministro Speranza: "Altro atto di squadrismo". Denunciato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale il dimostrante

Avrebbe rifiutato di sottoporsi al tampone anti-Covid il manifestante trasportato al Pronto soccorso del policlinico Umberto I, assaltato nella notte. Secondo la Questura, il dimostrante arrivato in ospedale "si è rifiutato con modi violenti di essere sottoposto al triage e alle misure previste" contro il coronavirus. "Nel frattempo fuori dalla struttura si sono radunati alcuni parenti e amici, i quali hanno iniziato a inveire contro il personale sanitario". Da lì l'atmosfera si sarebbe surriscaldata fino al ferimento di 5 persone, due tra le forze dell'ordine e tre operatori sanitari.

"Grazie anche alla presenza di personale di polizia - prosegue la nota della Questura - il gruppo è stato allontanato in compagnia dello stesso manifestante. Gli infermieri aggrediti hanno manifestato la volontà di esporre denuncia nei confronti dell'uomo". 

 

L'assessore regionale D'Amato: "Stop al clima di violenza"

"La situazione è tornata alla normalità dopo alcune ore con l'intervento delle forze di polizia", ha spiegato l'assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato, definendo quanto accaduto "un fatto gravissimo". "Non è tollerabile che vengano aggrediti degli operatori sanitari - ha aggiunto -. Bisogna fermare il clima d'odio, questa escalation di violenza".

 

 

Ferita un'infermiera

Durante l'assalto, un'infermiera è stata colpita con una bottigliata in testa. "E' stata refertata con alcuni giorni di prognosi - ha spiegato D'Amato -. L'assalto è scattato perché uno dei fermati, un uomo proveniente dalla Sicilia, era stato ricoverato in ospedale. Probabilmente nel tentativo di liberarlo". L'assessore ha aggiunto che ci sono stati dei danni: "E' stata forzata la porta d'ingresso, sono state divelte barelle e gli operatori si sono barricato dentro. I facinorosi sono però riusciti a entrare nell'area rossa del pronto soccorso".

 

Denunciato il manifestante trasportato al Pronto soccorso

 Nel frattempo, il manifestante è  stato denunciato per resistenza, lesioni a pubblico ufficiale e rifiuto di rilasciare le proprie generalità. Secondo fonti di polizia, l'uomo durante la manifestazione aveva provato a fare dei video alle forze dell'ordine davanti a Largo Chigi e, dopo essere stato fermato, avrebbe rifiutato di fornire i documenti fuggendo via. Un agente sarebbe anche rimasto ferito al torace. Seguito a distanza dagli agenti, una volta arrivato a Galleria Borghese si sarebbe buttato a terra dicendo di essere stato picchiato dalle forze dell'ordine. Così è stato trasportato in ospedale dal 118.

 

Speranza: "Altro atto di squadrismo" "Solidarietà ai medici, infermieri e operatori sanitari del pronto soccorso dell'Umberto I di Roma vittime di un vile attacco avvenuto questa notte. Un altro atto di squadrismo ai danni di chi tutti i giorni lavora per tutelare la salute delle persone. Piena fiducia nel lavoro della magistratura e delle forze dell'ordine affinché individuino al più presto i responsabili". Lo afferma il ministro della Salute, Roberto Speranza.

 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali