FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Roma, ordinanza anti-bivacchi nei pressi delle fontane storiche: scattano le prime multe

Sanzionati un senzatetto che si era fatto il bagno nudo nella fontana del Bernini e un turista americano che mangiava un panino in Piazza di Spagna

Roma, ordinanza anti-bivacchi nei pressi delle fontane storiche: scattano le prime multe

Da 450 a 80 euro: a tanto ammontano le multe elevate dai vigili di Roma nel primo giorno di entrata in vigore dell'ordinanza anti-bivacchi nei pressi delle storiche fontane della capitale. A farne le spese un senzatetto malese e un turista americano. Il primo ha infranto le regole facendo il bagno nudo nella fontana del Bernini in piazza Navona (a lui la sanzione più alta); il secondo è stato sorpreso mentre apriva il suo sacchetto del pic-nic sui gradini di piazza di Spagna.

I primi multatiCon l'entrata in vigore dell'ordinanza, ecco le prime multe. Un senzatetto malese si è gettato completamente nudo nella fontana centrale di piazza Navona. E' stato sorpreso verso le 16.30 dai vigili urbani che lo hanno invitato ad uscire. L'uomo ha spiegato di aver fatto il bagno perché sentiva caldo. Lo straniero, denunciato per atti osceni, dovrà pagare una multa di 450 euro. Contravvenzionato con 80 euro anche un turista americano che ha aperto il suo sacchettino sui gradini di piazza di Spagna e si è messo a mangiare un panino.

Le fontane interessate dall'ordinanzaProprio per mettere un freno ai bivacchi nei pressi delle fontane storiche di Roma, la sindaca Virginia Raggi ha firmato un'ordinanza che vieta di consumare cibi, bagnarsi, arrampicarsi o sedersi sui marmi delle fontane artistiche di Roma. I luoghi 'protetti' vanno da Fontana di Trevi, meta ogni giorno di folle di turisti da ogni parte del mondo, alla Barcaccia sfregiata anni fa da alcuni tifosi del Feyenoord, squadra olandese, in trasferta all'Olimpico. La lista delle fontane interessate dall'ordinanza di tutela firmata dalla prima cittadina è comunque lunga. Si va dalle fontane di Piazza di Navona (Quattro Fiumi, del Moro e del Nettuno) a quelle di piazza del Popolo (dei Leoni, del Nettuno e della Dea Roma).

Interessate dal divieto anche fontane che si trovano nelle zone della movida, prese d'assalto nelle serate estive: la Fontana dei Catecumeni in piazza della Madonna dei Monti, la Fontana dell'Acqua Paola a piazza Trilussa, la Fontana di piazza Santa Maria in Trastevere, la Fontana di Campo de' Fiori. Elencate nel provvedimento anche altre famose fontane di Roma come la Fontana del Tritone in piazza Barberini, la Fontana della Navicella, le Fontane dei due Mari in piazza Venezia, la Fontana in piazza dell'Aracoeli, la Fontana delle Naiadi in piazza della Repubblica, Fontana della Dea Roma in piazza del Campidoglio e la Fontana Mostra dell'Acqua Paola in via Garibaldi che i romani conoscono come il 'fontanone'. Molte di queste statue sono state realizzate da importanti scultori e architetti: quelle dei Quattro Fiumi in Piazza Navona e del Tritone in piazza Barberini da Gianlorenzo Bernini, la Barcaccia da Pietro Bernini (padre di Gianlorenzo), quella dei Leoni in Piazza del Popolo da Valadier.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali