FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Roma, dopo le pecore tosaerba arrivano i falchi contro gli storni

Per combattere i troppi volatili che imperversano sui cieli della città, il Comune ha deciso di assoldare rapaci e falconieri

A Roma sarà falchi contro storni. Il Comune ha deciso di assoldare diversi falconieri per mettere in fuga i troppi volatili che imperversano su alcune aree della Capitale, spaventando i turisti e riempiendo di guano strade e marciapiedi. A inizio settimana una parte del Lungotevere è stata chiusa per essere ripulita dalle deiezioni dei volatili, ma il lavoro degli uomini non basta più.

Dopo le pecore giardiniere ingaggiate per tagliare i prati romani e le rondini per catturare le zanzare, il Campidoglio decide dunque di ricorrere ancora una volta agli animali per lottare contro il degrado. Gli storni sul cielo di Roma sono decine di migliaia e vanno a trovare rifugio sugli alberi, sui tetti dei palazzi e sui monumenti. Falchi e falconieri interverranno su singole alberature, per "una soluzione cruely free, ecologica e naturale", come sottolinea l’assessorato all’Ambiente: i rapaci spaventano gli uccelli, li costringono ad alzarsi in volo e li allontanano dal posto dove si sono stabiliti. Parallelamente andranno avanti gli interventi con gli "stress call", ovvero quei suoni che infastidiscono gli uccelli e li fanno allontanare.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali