FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Roma, auto pirata manda in ospedale i genitori di Stefano Cucchi: "Chi ha visto si faccia avanti"

L'incidente sull'autostrada per Civitavecchia: è caccia all'investitore. Su Facebook l'appello della figlia Ilaria: "Non è giusto la faccia franca"

roma, cucchi, incidente, autostrada, auto pirata
Facebook

"Un grosso veicolo pirata ha urtato l'auto mentre percorreva l’autostrada Roma-Civitavecchia all’altezza Monte Romano, mandandola in testa coda.

Sono esplosi tutti i vetri dei finestrini. A bordo vi viaggiavano i miei genitori che sono finiti in ospedale assieme ai due accompagnatori. Chi ha visto si faccia avanti, non è giusto la faccia franca". Ecco l'appello su Facebook di Ilaria Cucchi, che racconta l'incidente avvenuto nella mattina di venerdì 13 maggio, in cui sono rimasti coinvolti madre e padre. E' caccia all'investitore, indaga la Polstrada.


In serata, il padre di Stefano Cucchi, il geometra romano per la cui morte la Cassazione ha condannato a 12 anni per il reato di omicidio preterintenzionale due carabinieri autori del pestaggio, è tornato a casa.


 



 


"Per fortuna solo una contusione al ginocchio - ha riferito ancora Ilaria Cucchi via Facebook. - Mia mamma, invece, è stata trattenuta all'ospedale di Civitavecchia con fratture alla clavicola e a quattro costole".


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali