FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Omicidio Cerciello, uno dei due americani intercettato in carcere: "I carabinieri mostrarono il tesserino"

Finnegan Lee Elder, che ha accoltellato il vicebrigadiere il 26 luglio a Roma, ha ammesso che lui e Gabriel Natale Hjorth sapevano bene chi avevano davanti. Per questo per loro è stato chiesto il rinvio a giudizio immediato

Finnegan Lee Elder, l'americano in carcere assieme a Gabriel Natale Hjorth per aver accoltellato il vicebrigadiere Mario Cerciello Rega il 26 luglio a Roma, era consapevole di aver aggradito un carabiniere. Lo ha detto lui stesso durante una conversazione intercettata: "Ho visto due carabinieri, ci hanno mostrato il tesserino" ha detto al padre e all'avvocato. Per questo per i due americani è stato chiesto il giudizio immediato

Volontarietà piena La conversazione intercettata risale al 2 agosto, pochi giorni dopo il fermo. Parlando con il padre e l'avvocato penalista Craig Michael Peters, Finnegan ammette che quella notte i due carabinieri si erano "presentati". E questa ammissione lo incastra perché gli inquirenti ora possono ipotizzare una volontarietà piena da parte dei due americani: non, dunque, una reazione, o men che meno un'azione per legittima difesa, compiuta a danno di due sconosciuti. 

 

Giudizio immediato Proprio questa intercettazione (letteralmente Finnegan ha detto "I saw two cops") ha convinto i magistrati a chiedere il giudizio immediato, saltando così l'udienza preliminare, nei confronti dei due americani coinvolti nell'omicidio di Cerciello Rega.

 

L'intercettazione L'intercettazione in questione  è utilizzabile in quanto l'avvocato Peters si presentò in carcere a Regina Coeli in quanto amico di famiglia e non come legale di fiducia. A lui Finnegan disse: "Ho visto due sbirri. Sono venuti dietro a noi, alle nostre spalle. La persona che mi ha attaccato era bassa, più massiccia. Mi picchiava e mi trascinava così ho estratto il mio coltello e l'ho colpito due volte alla gamba. poi mi ha stretto il collo e io ho cercato di scansarlo".  

 

Il distintivo Poi Finnegan ammette anche che i due carabinieri mostrarono il distintivo, come già detto da Andrea Varriale, il collega di Cerciello Rega che non riuscì ad aiutare il vicebrigadiere, ucciso da 11 coltellate, perché alle prese con l'altro americano, Natale Hjorth. 

 

Lo zaino Nell'intercettazione Finnegan spiega anche la tentata estorsione a Sergio Brugiatelli, l'uomo al quale era stato rubato lo zaino dopo il fallito acquisto di cocaina per l'arrivo dei carabinieri. "Ho preso lo zaino perché mi aveva mentito. Si è preso i soldi pensando di poter scappare", ha detto. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali