FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Carabiniere ucciso, Cerciello si trovava con Varriale a Trastevere due ore prima di essere accoltellato

La notte del 26 luglio, il vice brigadiere ucciso era con il collega nella zona di piazza Mastai. I due erano in borghese, in servizio dalla mezzanotte, dove si trovavano quattro colleghi liberi dal servizio

Mario Cerciello Rega, il carabiniere ucciso a Roma, era con il collega Andrea Varriale nella zona di piazza Mastai, a Trastevere, la notte del 26 luglio. I due erano in borghese, in servizio dalla mezzanotte, dove si trovavano quattro colleghi liberi dal servizio. Varriale ha annotato di essere intervenuto su ordine del maresciallo Pasquale Sansone, che gli riferiva di trovarsi sul posto per cercare un soggetto sottrattosi all'identificazione.

I 4 non in servizio e l'acquisto di droga - Il dato emerge dall'attività di indagine coordinata dalla Procura di Roma. Secondo quanto ricostruito, i quattro carabinieri non in servizio avevano notato, intorno all'1 e 30 di notte, a poca distanza dal cinema Alcazar, Sergio B. in compagnia di uno dei due ragazzi californiani che cercavano di acquistare droga dal pusher Italo Pompei.

Il pusher sottoposto a controllo - Quest'ultimo, in cambio di cento euro, aveva ceduto un involucro di carta stagnola al ragazzo americano. Allo scambio avevano assisitito i militari non in servizio a cui Natale Hjorth aveva consegnato la bustina affermando che si trattasse di tachipirina mentre Pompei era stato sottoposto a un controllo. Il giovano americano, dal canto suo, si era allontanato con Sergio B. in direzione di piazza Mastai.

Cerciello contattato sul cellulare - In base a quanto accertato, Cerciello Rega, intorno alle due di notte, era stato contattato sul proprio cellulare dalla Centrale operativa del Comando Gruppo di Roma che aveva fornito a lui e a Varriale una nota di intervento a piazza Gioacchino Belli, a poca distanza da Mastai, spiegando che Sergio B. dopo il furto del borsello aveva subito un tentativo di estorsione.

La ricostruzione dellʼomicidio del vicebrigadiere Rega

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali