GAIA E CAMILLA

Sedicenni morte investite a Roma, il pm ribadisce la richiesta di condanna a 5 anni per Pietro Genovese

Il giovane, che ha scelto il rito abbreviato, è accusato di omicidio stradale plurimo. Arrestato quattro giorni dopo l'incidente, si trova da allora agli arresti domiciliari

19 Dic 2020 - 15:28
1 di 10

Il pm di Roma ha ribadito la richiesta di condanna a 5 anni di carcere per Pietro Genovese, il giovane che la notte tra il 21 e 22 dicembre 2019 investì e uccise nella zona di Corso Francia le 16enni Gaia Von Freymann e Camilla Romagnoli. Il giovane, che ha scelto il rito abbreviato, è accusato di omicidio stradale plurimo. Arrestato quattro giorni dopo l'incidente, si trova da allora agli arresti domiciliari.

I fatti risalgono alla notte tra il 21 e il 22 dicembre 2019: le due vittime avevano trascorso una serata con gli amici, alla pista di pattinaggio del vicino Auditorium, festeggiando insieme l'inizio delle vacanze natalizie. Pioveva, correvano per tornare a casa e il Suv, guidato dal figlio del regista Paolo Genovese andava a velocità sostenuta, quando le travolse, uccidendole sul colpo.

Subito dopo l'impatto, Genovese provò a soccorrere le vittime, ma per loro non ci fu nulla da fare, mentre il giovane, sotto shock, venne portato in ospedale per accertamenti e analisi risultando positivo ai test alcolemico tossicologici con un tasso di alcol dell'1,4, tre volte superiore a quello consentito per guidare. In particolare nel caso dei neopatentati, il codice della strada non consente assunzione di alcol per chi guida da meno di tre anni.

Commenti (0)

Disclaimer
Inizia la discussione
0/300 caratteri