FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Corruzione e frode fiscale: 15 arresti, cʼè anche un magistrato | Depistaggi sullʼinchiesta milanese sullʼEni

Indagato anche lʼex presidente di sezione del Consiglio di Stato, Riccardo Virgilio, oggi in pensione. Sentenze "aggiustate" per 400 milioni di euro. Perquisizioni a carico di un dirigente di Eni

Operazione congiunta tra le Procura di Roma e Messina contro le frodi fiscali. La gdf ha effettuato 15 arresti per due associazioni a delinquere dedite alla frode fiscale, reati contro la pubblica amministrazione e corruzione in atti giudiziari. Tra i fermati anche Giancarlo Longo, ex pm della Procura di Siracusa, l'avvocato Piero Amara e gli imprenditori Fabrizio Centofanti e Enzo Bigotti, quest'ultimo già coinvolto nel caso Consip.

L'ex pm di Siracusa Giancarlo Longo è accusato di associazione a delinquere, corruzione e falso. Il magistrato da qualche mese ha chiesto il trasferimento al tribunale di Napoli. "In qualità di pubblico ufficiale svendeva la propria funzione", si legge nella misura cautelare emessa a suo carico.

Pm coinvolto nel caso Eni - I metodi "disinvolti" usati da Longo, che usava il suo potere per avvantaggiare i clienti dei due avvocati siracusani Giuseppe Calafiore e Piero Amara, sono ben esemplificati in uno dei capi di imputazione contestati: quello che riguarda il cosiddetto caso Eni. Longo, su input di Amara, legale esterno della multinazionale, avrebbe organizzato un'indagine, priva di qualunque fondamento, su un presunto e rivelatosi falso piano di destabilizzazione della società e del suo a.d. Claudio Descalzi. In realtà, per gli inquirenti che hanno arrestato anche Amara e Calafiore, lo scopo sarebbe stato intralciare l'inchiesta milanese sulle presunte tangenti nigeriane in cui Descalzi era coinvolto.

Pagato con viaggi a Dubai e contanti - Dalle indagini è inoltre emerso il prezzo della corruzione di Longo: un viaggio a Dubai con moglie e figli, un capodanno al Grand Hotel Vanvitelli di Caserta e 80mila euro in contanti. Il pm avrebbe dunque "svenduto la funzione giudiziaria" in cambio di soldi e favori. Il viaggio a Dubai sarebbe stato pagato da un avvocato, Fabrizio Centofanti, anche lui coinvolto nell'indagine. Le somme sarebbero state invece solo anticipate da Centofanti, mentre in realtà la fonte ultima che ha corrisposto il denaro sarebbe stata Amara.

Perquisito un dirigente di Eni - I finanzieri hanno effettuato una serie di perquisizioni a carico di Massimo Mantovani, ex responsabile dell'ufficio legale di Eni ed attuale dirigente della società, indagato per associazione per delinquere finalizzata ad una serie di reati. Stando all'inchiesta del pm Laura Pedio, Mantovani sarebbe l'organizzatore di presunte manovre di depistaggio per condizionare le inchieste milanesi Eni-Nigeria ed Eni-Algeria. Il filone d'indagine si intreccia con l'inchiesta portata avanti dalle Procure di Roma e Messima.

Nell'inchiesta risulta indagato anche l'ex presidente di sezione del Consiglio di Stato Riccardo Virgilio, oggi in pensione, accusato di corruzione in atti giudiziari in concorso con l'avvocato Piero Amara e Giuseppe Calafiore. Nei confronti di Virgilio era stata chiesta una misura "non detentiva", che però è stata respinta dal gip per assenza di ragioni cautelari.

Sentenze aggiustate per 400 mln per le gare Consip - Sono tre le sentenze "aggiustate" contestate dai pm della Procura di Roma all'ex presidente di sezione del Consiglio di Stato, Riccardo Virgilio. Il giudice Virgilio avrebbe "pilotato" tre sentenze che hanno inciso favorevolmente per clienti degli avvocati Pietro Amara e Giuseppe Calafiore (indagati in concorso con il magistrato). Le sentenze, in particolare riguardano una società del gruppo Bigotti che, nell'ambito delle gare Consip, riesce a ottenere un appalto pari a 388 milioni di euro. Nei procedimenti Enzo Bigotti era difeso da Amara.

Toghe sporche, lʼinchiesta tra Messina e Roma

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali